martedì 20 febbraio 2018

Vangelo del giorno – 11 Gennaio 2018 – Robert Cheaib

C’è da dire che è abbastanza enigmatico il comportamento di Gesù che – come dice il vangelo di oggi – ammonisce severamente il lebbroso guarito e lo caccia via vietandogli di dire che l’aveva guarito lui. Non è forse Gesù che ci manda ad annunciare il Vangelo a tutte le genti? Perché vieta questo annuncio allora? Perché, in realtà, annuncio non è. È più una pubblicità per il potere taumaturgico di Gesù. E c’è una bella differenza tra il seguire Gesù per un miracolo che ci fa e il seguirlo per la sua parola che, a volte, più che darci, ci priva di “qualcosa”; e più che alleggerirci, ci consegna la croce. La fede è seguire il Signore sempre. Ad essa si giunge non tramite l’entusiasmo per un miracolo, ma per un miracolo interiore di guarigione della lebbra del cuore, ovvero della guarigione dell’insensibilità del cuore e della mente alla …

Leggi Tutto »

Contemplare il Vangelo del 11 gennaio 2018 – Mc 1, 40-45

Giorno liturgico: Giovedì, I settimana del Tempo Ordinario Commento al Vangelo a cura del Rev. D. Xavier PAGÉS i Castañer (Barcelona, Spagna) «Se vuoi, puoi guarirmi! (…). Lo voglio, guarisci!» Oggi, nella prima lettura leggiamo: «Oggi, se udite la sua voce non indurite i vostri cuori» (Ebr 3,7-8). E lo ripetiamo insistentemente in risposta al Salmo 94. In questa breve citazione, si trovano due cose: un anelito e una avvertenza. Entrambe conviene non dimenticarle mai. Durante il nostro tempo giornaliero di preghiera, desideriamo e chiediamo di ascoltare la voce del Signore. Ma, forse, con troppa frequenza, ci preoccupiamo di riempire questo tempo con parole che noi vogliamo dirGli, e non lasciamo tempo per ascoltare quello che il Buon Dio vuole comunicarci. Vegliamo, dunque, per aver cura del silenzio interiore che, -evitando le distrazioni e concentrando la nostra attenzione- ci apre uno spazio per accogliere gli affetti, ispirazioni… che il Signore, …

Leggi Tutto »

Commento al Vangelo del 11 gennaio 2018 – Monastero di Bose

Il vangelo di oggi è narrazione di un incontro e di una guarigione, che a una prima lettura scorre via e non sembra avere particolari suggerimenti per noi. Ma proviamo a vedere invece più da vicino cosa fa e cosa dice il lebbroso, poiché l’iniziativa di quest’incontro è sua, è lui che va da Gesù. Si inginocchia e lo supplica. Un gesto e una parola che dicono il suo riconoscersi bisognoso, il suo chiedere aiuto e accettare che la salvezza possa venire da un altro. Noi sappiamo ancora inginocchiarci e supplicare? Il lebbroso riesce in maniera immediata e semplice a mettersi in un atteggiamento di povertà e di richiesta di fronte a Gesù, e ha il coraggio di chiedergli: “Se vuoi, puoi guarirmi”. Questa semplicità e questo coraggio gli vengono dal saper riconoscere la propria condizione di lebbroso, di malato, di bisognoso dell’aiuto dell’altro. Quanto è difficile per noi essere …

Leggi Tutto »

Commento al Vangelo del giorno – 11 Gennaio 2018 – Paolo Curtaz

Prova compassione verso il lebbroso, il Signore. Non disprezzo, come capitava abitualmente, pensando che la malattia fosse la punizione divina per chissà quali terribili peccati! E Gesù trasgredisce la legge degli uomini, toccando l’impuro; ma non è questi a contagiare Gesù con la propria impurità, ma Gesù che lo contagia con la propria salvezza. Gesù si sporca le mani, si compromette, si mette in gioco, da del suo. Non ha paura del giudizio degli altri, egli vede il dolore e la solitudine di un malato reso tale dalla propria condizione fisica e dalla distorta visione della realtà da parte dei suoi concittadini. Gesù ne ha compassione, perché conosce il demone impuro dell’uomo che lo trascina nelle bassezze del giudizio e nel fango della meschinità. E lo salva. Ci salva. Il lebbroso è restituito alla sua dignità e Gesù lo richiama alla legge di Dio: è invitato ad andare dal sacerdote …

Leggi Tutto »

Commento al Vangelo del 11 gennaio 2018 – don Mauro Leonardi

Gesù ci guarisce dalla lebbra del peccato avendo il coraggio di porsi oltre la legge. E il lebbroso guarito comprende questa gratuità e la proclama a voce alta anche se ciò significa porsi fuori dalle istituzioni della società. Poesia La vera compassione tu la conosci. Perché prima di parlare. Fai. La compassione, infatti, prima tocca, poi parla. La sua voce la si sente con una carezza. La vera compassione tu la conosci. Perché la unisci alla giustizia. Sei compassionevole perché è giusto essere compassionevole. È un atto di giustizia. Non di carità. Guarire è amare. Guarire è giusto. Perché tutti abbiamo diritto ad essere amati. La vera compassione. Tu la conosci. Perché tu sei la compassione. Tu sei la giustizia. La compassione è il modo in cui la carità ci tocca. LEGGI IL BRANO DEL VANGELO Mc 1, 40-45Dal Vangelo secondo Marco In quel tempo, venne da Gesù un lebbroso, che …

Leggi Tutto »

Commento alle letture del 11 Gennaio 2018 – Mons. Costantino Di Bruno

Il commento alle letture del 11 gennaio 2018 a cura di  Mons. Costantino Di Bruno, Sacerdote Diocesano dell’Arcidiocesi di Catanzaro–Squillace (CZ). GUARDA DI NON DIRE NIENTE A NESSUNO Un lebbroso chiede a Gesù di essere guarito. Osserviamo con quanta umiltà si presenta a Lui: “Se vuoi, puoi purificarmi!”. Se vuoi, cioè se è questa la volontà di Dio su di te. Se il Padre tuo te lo concede. L’onnipotenza non è mai regola di azione. Sempre l’onnipotenza va usata secondo la divina volontà. Si pensi oggi all’onnipotenza della scienza. Essa sta divenendo il solo principio di verità. Posso? Quindi faccio. Cosa? Tutto ciò che posso. Se l’onnipotenza della scienza non viene posta sotto il governo della divina volontà, domani si potrà anche distruggere l’umanità. Questa regola vale anche per l’onnipotenza della volontà dell’uomo. Tutto l’uomo nei pensieri, nei desideri, nella volontà, nella scienza, nella sapienza, deve porsi sotto la volontà …

Leggi Tutto »

Il Vangelo del Giorno, 11 Gennaio 2018 – Mc 1, 40-45

Il testo ed il commento al Vangelo del 11 Gennaio 2018 su Mc 1, 40-45 I Settimana del Tempo Ordinario – Anno II/B Colore liturgico: Verde Periodo: Giovedì Il Santo di oggi: S. Igino; S. Paolino di Aquileia; B. Bernardino Scamacca Ritornello al Salmo Responsoriale: Salvaci, Signore, per la tua misericordia. Letture del giorno: 1 Sam 4, 1-11; Sal 43; Mc 1, 40-45 Calendario Liturgico di Gennaio Le letture del giorno (prima e Vangelo) e le parole di Papa Francesco da VaticanNews: LEGGI IL BRANO DEL VANGELO Mc 1, 40-45Dal Vangelo secondo Marco In quel tempo, venne da Gesù un lebbroso, che lo supplicava in ginocchio e gli diceva: «Se vuoi, puoi purificarmi!». Ne ebbe compassione, tese la mano, lo toccò e gli disse: «Lo voglio, sii purificato!». E subito, la lebbra scomparve da lui ed egli fu purificato. E, ammonendolo severamente, lo cacciò via subito e gli disse: «Guarda di …

Leggi Tutto »

Il Vangelo di oggi per la famiglia – 10 Gennaio 2018

Oggi Gesù predicherà accompagnato dai primi Apostoli. Egli non è venuto a predicare teorie e dottrine; il Figlio di Dio è venuto a salvarci con i fatti. Per questo cura a tutti i pazienti che Gli vengono prsentati. Inoltre, «Al mattino presto si alzò quando ancora era buio e, uscito, si ritirò in un luogo deserto, e là pregava». La preghiera: questo è il rimedio!

Leggi Tutto »

Vangelo del giorno – 10 Gennaio 2018 – Robert Cheaib

 Cosa deve fare il discepolo di Gesù nella sua vita ordinaria? Cosa deve fare chi si lascia forgiare dalla «autorità» di Gesù? Per certi versi non deve “fare” nulla. Deve essere. Anzi, deve essere nel mondo stando alla presenza del Signore in ogni momento. Se guardiamo la pagina del vangelo di oggi vediamo una raffica di fermo immagini della vita “ordinaria” di Cristo. Lo straordinario è apportato da lui, dalla differenza che lui fa, dall’ingrediente divino che Egli è. Come suoi discepoli, come persone contagiate da lui, noi siamo chiamati a portare questa differenza – il distintivo Cristo – nelle nostre vicende quotidiani… E non è poco. Robert Cheaib (Fonte) Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l’Università Cattolica del Sacro Cuore. Acquista su Amazon.it -15% Il gioco dell’amore. 10 passi verso la felicità di coppia Prezzo: EUR 10,20 Da: EUR 12,00 -14% L’ABC dell’amore. Sei parole per …

Leggi Tutto »

Vangelo del Giorno – 10 gennaio 2018 – don Luigi Maria Epicoco

“La suocera di Simone era a letto con la febbre e subito gli parlarono di lei”. Quando penso alle definizioni di Chiesa più belle contenute nel Vangelo, mi viene alla mente questo versetto. La Chiesa è accorgersi delle persone intorno a noi, specialmente di chi soffre, e adoperarsi per sussurrare all’orecchio di Gesù un’istanza, un’intercessione. Se la gente che è intorno a me, dice di essere la Chiesa, e non mi prende a cuore fino al punto da portarmi da Cristo, da consegnarmi alla Sua Misericordia, allora a che cosa mai dovrebbero servirmi questi amici, questo essere Chiesa? “Egli, accostatosi, la sollevò prendendola per mano; la febbre la lasciò ed essa si mise a servirli”. Qui sono raggruppati una serie di verbi decisivi, sono la descrizione della prassi normale attraverso cui la Grazia agisce nella nostra vita: accostarsi, sollevare, prendere per mano, guarire. E solo alla fine c’è un’azione da …

Leggi Tutto »

Vangelo del giorno – 10 gennaio 2018 – don Antonello Iapicca

PRESI PER MANO DAL VANGELO CHE, PREDICATO DALLA CHIESA, CI RISUSCITA RICONSEGNANDOCI ALLA NOSTRA VOCAZIONE DI SERVIRE NELL’AMORE Gesù aveva fretta. In fondo l’aveva vissuta sin dal suo concepimento, quando nel seno di Maria è partito anche Lui per “raggiungere in fretta” Elisabetta. E’ la fretta dello zelo per la pecora perduta che traspare in questo primo capitolo del vangelo di Marco nel quale l’inciso “subito” è ripetuto ben otto volte. Non c’è tempo da perdere, perché il demonio non riposa mai e non risparmia nessuno. Gesù lo sa, e per questo “subito, uscito dalla sinagoga, si recò in casa di Simone e Andrea, con Giacomo e Giovanni”. Il suo zelo trascina i primi discepoli nell’urgenza del suo muoversi; è come se li mettesse in un altoforno che non si ferma mai, per trasformarli in pescatori di uomini attraverso la partecipazione al suo zelo. Magari i seminari fossero degli altiforni alimentati senza …

Leggi Tutto »

Commento al Vangelo del giorno – 10 Gennaio 2018 – Paolo Curtaz

La suocera di Pietro è guarita dalla febbre e si mette a servire il Maestro. La comunità dei credenti, guarita dalle proprie malattie interiori, liberata dai demoni che la infestano e che deve tenere lontano dalla propria sinagoga, si mette a servizio del Regno e del Signore perché egli possa portare il Vangelo in ogni villaggio. Questa è la Chiesa: la comunità di coloro che, guariti interiormente, mettono le proprie forze, il proprio cuore e la propria intelligenza nelle mani del Signore affinché egli passi e converta i cuori. La giornata di Gesù, come la nostra, è frenetica e piena zeppa di impegni: il Signore non rifiuta i malati che gli vengono portati di sera. Si vede il desiderio profondo, da parte di Gesù, di fare il bene, di sanare, di annunciare, di convertire: non pensa a se stesso, al proprio meritato riposo, mette al centro della propria vita il …

Leggi Tutto »

Commento al Vangelo del 10 gennaio 2018 – don Mauro Leonardi

Commuove, più del miracolo che Gesù compie, la sollecitudine che lo spinge a prendere per mano una donna, una che a quel tempo era uno scarto. E la alza e le restituisce la vita e gli affetti. Poesia Un demone deve tacere sempre. Non può parlare, anche se ti conosce. Perché di te parla solo chi ti ama. Il resto non conta. Se è amore, sei tu. Se non è amore, non sei tu. Basta una tua mano. E ogni male mi lascia. E io sono pronta per te. A casa con i tuoi amici. Fino a sera con i malati e gli indemoniati. All’alba da solo. Con Dio. E poi, di nuovo, con tutti, tra le strade, le città e le case. Questo è quello che sei: amore. E l’amore non conosce riposo, se non tra le tue braccia, nelle tue mani. LEGGI IL BRANO DEL VANGELO Mc 1, …

Leggi Tutto »

Commento alle letture del 10 Gennaio 2018 – Mons. Costantino Di Bruno

Il commento alle letture del 10 gennaio 2018 a cura di  Mons. Costantino Di Bruno, Sacerdote Diocesano dell’Arcidiocesi di Catanzaro–Squillace (CZ). PER QUESTO INFATTI SONO VENUTO! Satana vuole Gesù dalla sua volontà e per questo lo tenta. Anche gli uomini vogliono Gesù dalla loro volontà. Gli ammalati vogliono essere da Lui guariti. I crocifissi vogliono che li faccia scendere dalla croce. Gli affamati gli chiedono altro pane. Scribi e farisei lo infastidiscono, anche con gravi calunnie, perché non è dalla loro dottrina. Su ogni passo di Cristo è armata una trappola per farlo cadere. Ognuno lo vuole dalla sua parte: Satana, uomini, ammalati, scribi, farisei, capi dei sacerdoti, anziani del popolo. Sappiamo che anche i suoi discepoli lo vogliono dalla loro parte. Pietro lo tenta perché non vada a Gerusalemme. Giacomo e Giovanni gli chiedono un posto di eccellenza nel suo regno. Giuda lo venderà ai sommi sacerdoti perché i …

Leggi Tutto »

Il Vangelo del Giorno, 10 Gennaio 2018 – Mc 1, 29-39

Il testo ed il commento al Vangelo del 10 Gennaio 2018 su Mc 1, 29-39 I Settimana del Tempo Ordinario – Anno II/B Colore liturgico: Verde Periodo: Mercoledì Il Santo di oggi: S. Milziade; S. Gregorio di Nissa; B. Gregorio X Ritornello al Salmo Responsoriale: Ecco, Signore, io vengo per fare la tua volontà. Letture del giorno: 1 Sam 3, 1-10. 19-20; Sal 39; Mc 1, 29-39 Calendario Liturgico di Gennaio Le letture del giorno (prima e Vangelo) e le parole di Papa Francesco da VaticanNews: LEGGI IL BRANO DEL VANGELO Mc 1, 29-39Dal Vangelo secondo Marco In quel tempo, Gesù, uscito dalla sinagoga, subito andò nella casa di Simone e Andrea, in compagnia di Giacomo e Giovanni. La suocera di Simone era a letto con la febbre e subito gli parlarono di lei. Egli si avvicinò e la fece alzare prendendola per mano; la febbre la lasciò ed ella li …

Leggi Tutto »