mercoledì 13 dicembre 2017
Home » Vangelo del Giorno » Commento al Vangelo del 7 ottobre 2017 – don Mauro Leonardi

Commento al Vangelo del 7 ottobre 2017 – don Mauro Leonardi

A volte siamo credenti pavidi. Accade quando invochiamo la crisi dei valori, il crollo delle certezze o quando, addirittura, dubitiamo della guida del Papa. Tutto questo turbamento è frutto di superbia. Perché Gesù ha detto chiaramente che “io vi ho dato il potere di camminare sopra serpenti e scorpioni e sopra tutta la potenza del nemico” e ci ha messo anche in guardia dal non cadere nella vanagloria di chi crede di aver sconfitto da solo, con le proprie forze, il “nemico”: è solo Gesù che ci dona la vittoria contro il demonio, l’unico nemico, e poi la pace. Perché solo il Padre conosce il Figlio e solo il Figlio conosce il Padre. Ed il Figlio è conosciuto e rivelato attraverso lo Spirito Santo che è sempre dono, non frutto delle nostre regole e delle nostre istituzioni.

Poesia

Sembra di sentire il giorno che finisce e l’angelo che entra in casa.
Sembra di sentire tu che ti giri e guardi l’angelo che ti saluta.
Sembra di vederlo il tramonto fuori e l’alba dentro di te.
Sembra di sentirla la felicità.
Quella della grazia che ti riempie la vita.
Quella della vita con Dio.
E’ tutto nel tuo cuore, nella tua vita, nel tuo grembo.

Un angelo che cammina per le strade di Nazareth, Gabriele.
Che entra.
Una donna, vergine e sposa, Maria, che è in casa.
Che si gira.
Cielo e terra si incontrano.
Spirito e carne si salutano.
Gloria e turbamento stanno insieme.
Solo Dio, solo l’amore, unisce, ci unisce

I nostri turbamenti si placano tra le braccia di Dio.
La nostra vita è tutta gioia, è tutta vita , se unita alla tua.
Anche se non so come.
Anche se non capisco.
Anche se sono solo io e tu sei così grande, così re, così potente.
C’è una potenza che scende su di me e mi copre.
Non fa male.
Non la temo.
C’è un amore che è come ombra ma non è mai buio.
Con te, gli abbracci nascosti non sono segreti ma è l’intimità di Dio che mi copre.
Con te l’amore è un ombra che respiro, mi inebria, mi fa tremare come una vertigine.
E sono feconda.
Intatta, pura, vergine, perché l’amore è umile e non corrompe mai.
L’amore è vita in una donna vergine.
L’amore è vita in una donna sterile.
Non è da capire, è da servire.
Non è da capire ma da lasciarsi coprire e colmare.

C’è una potenza che non violenta.
C’è un’ombra che non nasconde.
E’ quella del tuo abbraccio.
E’ quella del tuo amore.
Spirito che entra.
Spirito che si fa carne.
E’ l’amore.
Sei tu.
Non c’è gioventù.
Non c’è vecchiaia.
Nell’amore tutto fiorisce.
Ed è grande.
Potente.
Re.
C’è un amore che si fa carne con le parole, con un’ ombra, con un Amen.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO – Lc 10,38-42

In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, chiamato Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: “Ti saluto, o piena di grazia, il Signore è con te”. A queste parole ella rimase turbata e si domandava che senso avesse un tale saluto. L’angelo le disse: “Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ecco concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine”.
Allora Maria disse all’angelo: “Come è possibile? Non conosco uomo”. Le rispose l’angelo: “Lo Spirito Santo scenderà su di te, su te stenderà la sua ombra la potenza dell’Altissimo. Colui che nascerà sarà dunque santo e chiamato Figlio di Dio. Vedi: anche Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito un figlio e questo è il sesto mese per lei, che tutti dicevano sterile: nulla è impossibile a Dio”. Allora Maria disse: “Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto”. E l’angelo partì da lei.

don Mauro offre la possibilità di lasciare intenzioni per la Messa della mattina sulla pagina Facebook del suo blog “Come Gesù” ogni giorno alle ore 19.

Questo commento/poesia del vangelo del giorno è fatto dalla prospettiva di una delle donne senza nome che seguivano Gesù (cfr Lc 8, 1-3). Il suo nome è Zippi (Zippora).

A cura di don Mauro Leonardi – Il suo blog è “Come Gesù


jQuery(document).ready(function() {

var CONSTANTS = {
productMinWidth : 185,
productMargin : 20
};

var $adUnits = jQuery(‘.aalb-product-carousel-unit’);
$adUnits.each(function() {
var $adUnit = jQuery(this),
$wrapper = $adUnit.find(‘.aalb-pc-wrapper’),
$productContainer = $adUnit.find(‘.aalb-pc-product-container’),
$btnNext = $adUnit.find(‘.aalb-pc-btn-next’),
$btnPrev = $adUnit.find(‘.aalb-pc-btn-prev’),
$productList = $productContainer.find(‘.aalb-pc-product-list’),
$products = $productList.find(‘.aalb-pc-product’),
productCount = $products.length;

if (!productCount) {
return true;
}

var rows = $adUnit.find(‘input[name=rows]’).length && parseInt($adUnit.find(‘input[name=rows]’).val(), 10);
var columns = $adUnit.find(‘input[name=columns]’).length && parseInt($adUnit.find(‘input[name=columns]’).val(), 10);

if( columns ) {
var productContainerMinWidth = columns * (CONSTANTS.productMinWidth + CONSTANTS.productMargin) + ‘px’;
$adUnit.css( ‘min-width’, productContainerMinWidth );
$productContainer.css( ‘min-width’, productContainerMinWidth );
$products.filter( ‘:nth-child(‘ + columns + ‘n + 1)’ ).css( ‘clear’, ‘both’ );
}

if (rows && columns) {
var cutOffIndex = (rows * columns) – 1;
$products.filter(‘:gt(‘ + cutOffIndex + ‘)’).remove();
}

function updateLayout() {
var wrapperWidth = $wrapper.width();
var possibleColumns = columns || parseInt( wrapperWidth / (CONSTANTS.productMinWidth + CONSTANTS.productMargin), 10 );
var actualColumns = columns || possibleColumns actualColumns ) {
$btnNext.css( ‘visibility’, ‘visible’ ).removeClass( ‘disabled’ ).unbind( ‘click’ );
$btnPrev.css( ‘visibility’, ‘visible’ ).removeClass( ‘disabled’ ).unbind( ‘click’ );
}
$productContainer.jCarouselLite( {
btnNext : ‘#’ + $adUnit.attr( ‘id’ ) + ‘ .aalb-pc-btn-next’,
btnPrev : ‘#’ + $adUnit.attr( ‘id’ ) + ‘ .aalb-pc-btn-prev’,
visible : actualColumns,
circular: false
} );

}

updateLayout();
jQuery(window).resize(updateLayout);
});
});

/*!
* jCarouselLite – v1.1 – 2014-09-28
* http://www.gmarwaha.com/jquery/jcarousellite/
* Copyright (c) 2014 Ganeshji Marwaha
* Licensed MIT (https://github.com/ganeshmax/jcarousellite/blob/master/LICENSE)
*/

!function(a){a.jCarouselLite={version:”1.1″},a.fn.jCarouselLite=function(b){return b=a.extend({},a.fn.jCarouselLite.options,b||{}),this.each(function(){function c(a){return n||(clearTimeout(A),z=a,b.beforeStart&&b.beforeStart.call(this,i()),b.circular?j(a):k(a),m({start:function(){n=!0},done:function(){b.afterEnd&&b.afterEnd.call(this,i()),b.auto&&h(),n=!1}}),b.circular||l()),!1}function d(){if(n=!1,o=b.vertical?”top”:”left”,p=b.vertical?”height”:”width”,q=B.find(“>ul”),r=q.find(“>li”),x=r.size(),w=x0?z-b.scroll:z+b.scroll)}),b.auto&&h()}function h(){A=setTimeout(function(){c(z+b.scroll)},b.auto)}function i(){return s.slice(z).slice(0,w)}function j(a){var c;a=y-w+1&&(c=a-x-b.scroll,q.css(o,-(c*t)+”px”),z=c+b.scroll)}function k(a){0>a?z=0:a>y-w&&(z=y-w)}function l(){a(b.btnPrev+”,”+b.btnNext).removeClass(“disabled”),a(z-b.scrolly-w&&b.btnNext||[]).addClass(“disabled”)}function m(c){n=!0,q.animate(“left”==o?{left:-(z*t)}:{top:-(z*t)},a.extend({duration:b.speed,easing:b.easing},c))}var n,o,p,q,r,s,t,u,v,w,x,y,z,A,B=a(this);d(),e(),f(),g()})},a.fn.jCarouselLite.options={btnPrev:null,btnNext:null,btnGo:null,mouseWheel:!1,auto:null,speed:200,easing:null,vertical:!1,circular:!0,visible:3,start:0,scroll:1,beforeStart:null,afterEnd:null}}(jQuery);

L’articolo Commento al Vangelo del 7 ottobre 2017 – don Mauro Leonardi proviene dal sito Cerco il Tuo volto – Audio e Video cattolici italiani.


Fonte: CITV Vangelo del giorno

Leggi Anche...

Commento al Vangelo del 13 dicembre 2017 – don Mauro Leonardi

Stare con Gesù è faticoso, perché significa perdere sé stessi per conformarsi alla sua volontà. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *