venerdì 15 dicembre 2017
Home » Vangelo del Giorno » Commento alle letture di martedì 5 dicembre 2017 – Mons. Costantino Di Bruno

Commento alle letture di martedì 5 dicembre 2017 – Mons. Costantino Di Bruno

Il commento alle letture di martedì 5 novembre 2017 a cura di  Mons. Costantino Di Bruno, Sacerdote Diocesano dell’Arcidiocesi di Catanzaro–Squillace (CZ).

TUTTO È STATO DATO A ME DAL PADRE MIO

Pallida immagine della mediazione universale di Cristo tra Dio e l’intera umanità è Giuseppe mediatore universale tra il faraone e il popolo. Giuseppe amministrava l’Egitto, ma non il faraone. Gesù “amministra” anche il Padre. A chi Lui lo dona, il Padre è dato. A chi Lui non lo dona, il Padre non si dona. Tutto è per Cristo, in Lui, per Lui.

Il faraone pensi a trovare un uomo intelligente e saggio e lo metta a capo della terra d’Egitto. Il faraone inoltre proceda a istituire commissari sul territorio, per prelevare un quinto sui prodotti della terra d’Egitto durante i sette anni di abbondanza. Essi raccoglieranno tutti i viveri di queste annate buone che stanno per venire, ammasseranno il grano sotto l’autorità del faraone e lo terranno in deposito nelle città. Questi viveri serviranno di riserva al paese per i sette anni di carestia che verranno nella terra d’Egitto; così il paese non sarà distrutto dalla carestia». La proposta piacque al faraone e a tutti i suoi ministri. Il faraone disse ai ministri: «Potremo trovare un uomo come questo, in cui sia lo spirito di Dio?». E il faraone disse a Giuseppe: «Dal momento che Dio ti ha manifestato tutto questo, non c’è nessuno intelligente e saggio come te. Tu stesso sarai il mio governatore e ai tuoi ordini si schiererà tutto il mio popolo: solo per il trono io sarò più grande di te». Il faraone disse a Giuseppe: «Ecco, io ti metto a capo di tutta la terra d’Egitto». Il faraone si tolse di mano l’anello e lo pose sulla mano di Giuseppe; lo rivestì di abiti di lino finissimo e gli pose al collo un monile d’oro. Lo fece salire sul suo secondo carro e davanti a lui si gridava: «Abrech». E così lo si stabilì su tutta la terra d’Egitto. Poi il faraone disse a Giuseppe: «Io sono il faraone, ma senza il tuo permesso nessuno potrà alzare la mano o il piede in tutta la terra d’Egitto». E il faraone chiamò Giuseppe Safnat‑Panèach e gli diede in moglie Asenat, figlia di Potifera, sacerdote di Eliòpoli. Giuseppe partì per visitare l’Egitto. Giuseppe aveva trent’anni quando entrò al servizio del faraone, re d’Egitto (Gen 41,33-46).

Pallida idea è anche Mosè. Tra Mosè e Dio vi erano gli Angeli. Tra Cristo e il Padre gli Angeli scompaiono. Gli Angeli sono a servizio di Cristo in ogni cosa. Tutto avviene per Cristo, in Lui, per Lui. Non ci sono mediatori tra Cristo e il Padre.

Per questo bisogna che ci dedichiamo con maggiore impegno alle cose che abbiamo ascoltato, per non andare fuori rotta. Se, infatti, la parola trasmessa per mezzo degli angeli si è dimostrata salda, e ogni trasgressione e disobbedienza ha ricevuto giusta punizione, come potremo noi scampare se avremo trascurato una salvezza così grande? Essa cominciò a essere annunciata dal Signore, e fu confermata a noi da coloro che l’avevano ascoltata, mentre Dio ne dava testimonianza con segni e prodigi e miracoli d’ogni genere e doni dello Spirito Santo, distribuiti secondo la sua volontà (Eb 2,1-4).  Gli replicò Natanaele: «Rabbì, tu sei il Figlio di Dio, tu sei il re d’Israele!». Gli rispose Gesù: «Perché ti ho detto che ti avevo visto sotto l’albero di fichi, tu credi? Vedrai cose più grandi di queste!». Poi gli disse: «In verità, in verità io vi dico: vedrete il cielo aperto e gli angeli di Dio salire e scendere sopra il Figlio dell’uomo» (Gv 1,49-51).

Oggi una letale eresia vorrebbe sovvertire questa essenziale verità. Va invece gridato ad ogni cuore, ogni mente, che sia il Padre che lo Spirito Santo sono “amministrati” da Cristo Gesù. La mediazione è universale. Non è però fuori di Lui. Non è solo per Lui. Necessariamente dovrà essere in Lui e con Lui. Non si attinge la pace per Lui. Si attinge per Lui, ma in Lui e con Lui, essendo con Lui un solo corpo, una sola vita.

In quella stessa ora Gesù esultò di gioia nello Spirito Santo e disse: «Ti rendo lode, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. Tutto è stato dato a me dal Padre mio e nessuno sa chi è il Figlio se non il Padre, né chi è il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo». E, rivolto ai discepoli, in disparte, disse: «Beati gli occhi che vedono ciò che voi vedete. Io vi dico che molti profeti e re hanno voluto vedere ciò che voi guardate, ma non lo videro, e ascoltare ciò che voi ascoltate, ma non lo ascoltarono».

Oggi anche la Chiesa, un tempo sentinella della verità di Cristo Gesù, soffre di questo morbo distruttore della sua essenza più vera e più santa. Se abolisce la mediazione di Cristo in ordine alla salvezza, all’istante essa non è più sacramento universale di salvezza. Essa è interamente da Cristo. Vale quanto vale Cristo per essa.

Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, dateci la verità di Cristo Gesù.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Lc 10, 21-24
Dal Vangelo secondo Luca

In quella stessa ora Gesù esultò di gioia nello Spirito Santo e disse: «Ti rendo lode, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. Tutto è stato dato a me dal Padre mio e nessuno sa chi è il Figlio se non il Padre, né chi è il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo».
E, rivolto ai discepoli, in disparte, disse: «Beati gli occhi che vedono ciò che voi vedete. Io vi dico che molti profeti e re hanno voluto vedere ciò che voi guardate, ma non lo videro, e ascoltare ciò che voi ascoltate, ma non lo ascoltarono».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

L’articolo Commento alle letture di martedì 5 dicembre 2017 – Mons. Costantino Di Bruno proviene dal sito Cerco il Tuo volto – Audio e Video cattolici italiani.


Fonte: CITV Vangelo del giorno

Leggi Anche...

Vangelo del giorno – 15 dicembre 2017 – don Carlo Marcello

Commento al Vangelo di venerdì 15 dicembre 2017 a cura di Don Carlo Marcello, direttore …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *