mercoledì 22 novembre 2017
Home » Vangelo del Giorno » Il Vangelo del Giorno, 19 ottobre 2017 – Lc 11, 47-54

Il Vangelo del Giorno, 19 ottobre 2017 – Lc 11, 47-54

Il testo ed il commento al Vangelo
del 19 ottobre 2017 su Lc 11, 47-54

XXVIII Settimana del Tempo Ordinario – Anno I

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
  • Colore liturgico: Verde
  • Periodo: Giovedì
  • Il Santo di oggi: Ss. Giovanni de B. e Isacco J. e c. (mf); S. Paolo d. Croce (mf)
  • Ritornello al Salmo Responsoriale: Con il Signore è la misericordia e grande è con lui la redenzione.
  • Letture del giorno: Rm 3, 21-30; Sal.129; Lc 11, 47-54
  • Calendario Liturgico di Ottobre
Lc 11, 47-54
Dal Vangelo secondo  Luca

In quel tempo, il Signore disse: «Guai a voi, che costruite i sepolcri dei profeti, e i vostri padri li hanno uccisi. Così voi testimoniate e approvate le opere dei vostri padri: essi li uccisero e voi costruite.
Per questo la sapienza di Dio ha detto: “Manderò loro profeti e apostoli ed essi li uccideranno e perseguiteranno”, perché a questa generazione sia chiesto conto del sangue di tutti i profeti, versato fin dall’inizio del mondo: dal sangue di Abele fino al sangue di Zaccarìa, che fu ucciso tra l’altare e il santuario. Sì, io vi dico, ne sarà chiesto conto a questa generazione.
Guai a voi, dottori della Legge, che avete portato via la chiave della conoscenza; voi non siete entrati, e a quelli che volevano entrare voi l’avete impedito».
Quando fu uscito di là, gli scribi e i farisei cominciarono a trattarlo in modo ostile e a farlo parlare su molti argomenti, tendendogli insidie, per sorprenderlo in qualche parola uscita dalla sua stessa bocca.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Commento al Vangelo del giorno a cura dei Monaci Benedettini

Ancora guai…

Quando qualcuno stigmatizza i nostri vizi e li mette in luce il nostro orgoglio divampa e chi ha osato èrgersi contro di noi lo trattiamo da nemico. Se poi siamo anche posti in autorità lo sdegno quasi sicuramente crescerà e la possibilità della vendetta affiorerà con prepotenza.

I capi religiosi al tempo di Gesù costruivano monumentali sepolcri ai loro profeti dimenticando però che molti di loro erano stati perseguitati ed uccisi dai loro padri. Gesù sa che la stessa sorte toccherà anche a Lui e molto presto le trame che gli tendono in continuazione, sfoceranno nella condanna a morte e nell’orrendo delitto della croce. Ecco perché Gesù afferma: sarà chiesto conto a questa generazione del sangue di tutti i profeti.

La morte di Cristo sarà come il coronamento e la sintesi storica di tutte le infedeltà perpetrate dal popolo d’Israele e anche l’ultimo rifiuto del più grande di tutti i profeti, la condanna del Figlio di Dio. Tutto questo accade perché per l’ennesima volta, coloro che ritenevano di essere i primi custodi, interpreti e testimoni della legge, avevano tolto la chiave della scienza. Essi non vi sono entrati, e l’hanno impedito a quelli che volevano entrare.

Per la stessa ragione usano la loro scienza per tendere insidie al Signore, per farlo parlare su molti argomenti e sorprenderlo in qualche parola uscita dalla sua stessa bocca. La condanna per loro invece viene dalla sapienza di Dio. Avranno la loro giusta ricompensa…

L’articolo Il Vangelo del Giorno, 19 ottobre 2017 – Lc 11, 47-54 proviene dal sito Cerco il Tuo volto – Audio e Video cattolici italiani.


Fonte: CITV Vangelo del giorno

Leggi Anche...

Commento al Vangelo del giorno – 22 novembre 2017 – Paolo Curtaz

Queste parole dure, specifica Luca, Gesù le dice mentre sale a Gerusalemme. Mentre sta andando …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *