lunedì 22 gennaio 2018
Home » Vangelo del Giorno » Il Vangelo del Giorno, 27 dicembre 2017 – Gv 20, 2-8

Il Vangelo del Giorno, 27 dicembre 2017 – Gv 20, 2-8

Il testo ed il commento al Vangelo
del 26 dicembre 2017 su Gv 20, 2-8

I Settimana del Tempo di Natale – Anno B

  • Colore liturgico: Bianco
  • Periodo: Mercoledì
  • Il Santo di oggi: S. Giovanni ap. ev. (f);
  • Ritornello al Salmo Responsoriale: Gioite, giusti, nel Signore.
  • Letture del giorno: 1 Gv 1, 1-4; Sal 96; Gv 20, 2-8
  • Calendario Liturgico di Dicembre

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Gv 20, 2-8
Dal Vangelo secondo Giovanni

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala corse e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!».
Pietro allora uscì insieme all’altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò.
Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario – che era stato sul suo capo – non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte.
Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Commento al Vangelo del giorno a cura dei Monaci Benedettini

E vide… e credette…

Il messaggio dell’odierno Vangelo annunzia l’irruzione irresistibile di Dio dentro la storia umana. Certo, tutta la storia della salvezza parla di interventi salvifici di Dio. Ma qui si tratta di una vera spaccatura che Dio opera nel tessuto della storia: il cammino lineare della storia che fa vivere e fa morire viene ora spezzato: l’uomo che nasce non è più solo un condannato a morte, ma realmente un chiamato alla vita.

Nella prima lettura vediamo il desiderio e l’obiettivo: E’ “annunciare a voi quello che abbiamo veduto e udito, affinché anche voi siate in comunione con noi, e la nostra comunione è con il Padre e con il Figlio suo, Gesù Cristo”. Ma tutto questo non ci è già stato comunicato dal testo evangelico? Sì, ma adesso Giovanni vuole comunicarci quello che la Parola evangelica ha operato e donato a lui: la vita! La vita nuova, quella che “si manifestò… la vita eterna che era presso il Padre e che si manifestò a noi”.

Semplificando, e banalizzando, diciamo che Giovanni vuole comunicarci la sua esperienza di fede e di comunione d’amore “con il Padre e con il Figlio suo, Gesù Cristo”. Il salmo 96 proclama il Signore altissimo, eccelso nell’esultanza dell’assemblea degli eletti. Esso dona il senso della lode ai giusti che, pur afflitti, confidano nella giustizia di Dio. Anche noi potremmo rallegrarci nel Signore, perché egli renderà giustizia alla nostra vita. Davanti a quel sepolcro vuoto tanti possono essere i sentimenti, come quella famosa diceria che dura fino ad oggi. Noi abbiamo l’esempio di Giovanni, che era arrivato per primo al sepolcro…

Lui: “vide e credette!”.

L’articolo Il Vangelo del Giorno, 27 dicembre 2017 – Gv 20, 2-8 proviene dal sito Cerco il Tuo volto – Audio e Video cattolici italiani.


Fonte: CITV Vangelo del giorno

Leggi Anche...

Il Vangelo di oggi per la famiglia – 18 Gennaio 2018

Oggi i nostri cuori si rallegrano di vedere tante persone che seguono Gesù. Lui gli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *