sabato 16 dicembre 2017
Home » Vangelo del Giorno » Vangelo del Giorno – 26 settembre 2017 – don Luigi Epicoco

Vangelo del Giorno – 26 settembre 2017 – don Luigi Epicoco

«Mia madre e miei fratelli sono questi: coloro che ascoltano la parola di Dio e la mettono in pratica».

Che cos’è che ci rende familiari con Cristo? Che cos’è che qualifica i nostri rapporti? Il sangue? L’etnia? la cultura? I registri dell’anagrafe? No. Ciò che qualifica i nostri rapporti sono i fatti. Gesù ci tiene a dire che “madre e fratelli” per Lui sono quelli che “ascoltano e mettono in pratica”.

La parola d’ordine di oggi è questa: ascoltare e mettere in pratica; e non imparare a memoria e ripetere. Il cristianesimo non lo si manda a memoria, lo si manda nei fatti. Per noi “il Verbo si è fatto carne” e non filosofia. Dobbiamo trasformare tutto in “carne”, cioè in concretezza, diversamente non siamo capaci di amare, sappiamo solo riempirci la bocca di parole.

don Luigi Epicoco su Facebook

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Lc 8, 19-21
Dal Vangelo secondo  Luca

In quel tempo, andarono da Gesù la madre e i suoi fratelli, ma non potevano avvicinarlo a causa della folla.
Gli fecero sapere: «Tua madre e i tuoi fratelli stanno fuori e desiderano vederti».
Ma egli rispose loro: «Mia madre e miei fratelli sono questi: coloro che ascoltano la parola di Dio e la mettono in pratica».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

L’articolo Vangelo del Giorno – 26 settembre 2017 – don Luigi Epicoco proviene dal sito Cerco il Tuo volto – Audio e Video cattolici italiani.


Fonte: CITV Vangelo del giorno

Leggi Anche...

Riflessione al Vangelo del 15 dicembre 2017 – Un attimo di Pace

È simile a bambini che stanno seduti in piazza Nighthawks (I nottambuli) è forse il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *