mercoledì 22 novembre 2017
Home » Vangelo della Domenica » Commento al Vangelo dal foglietto “La Domenica” del 30 luglio 2017

Commento al Vangelo dal foglietto “La Domenica” del 30 luglio 2017

«IL REGNO DEI CIELI È SIMILE A UN TESORO NASCOSTO…»

Oggi il Vangelo ci presenta le parabole del regno, attraverso l’immagine del tesoro e della perla. Il tempo presente è una occasione per riempirlo di amore creativo. Non possiamo essere indifferenti di fronte ai frat elli e sorelle provati dalla povertà, dalla guerra e dalla fame

LA ricerca della gioia vera alberga nel cuore di ogni essere umano. Ogni desiderio nasconde in sé la sete di questa felicità. Il Vangelo ci racconta che il regno dei cieli è la vera gioia: è come un tesoro che uno scopre e fa di tutto per avere; è come una perla rara che un collezionista vuole possedere. La fatica per raggiungere questi beni viene cancellata dalla soddisfazione di avere raggiunto quanto si desiderava. Il problema della nostra vita di cristiani è che non siamo davvero convinti che la volontà di Dio sia la nostra gioia: non ci fidiamo delle promesse di Cristo.
L’esempio che ci viene dalla prima lettura potrebbe esserci da guida: Salomone, all’inizio del suo regno, innalza a Dio una vera preghiera regale in cui non chiede beni terreni, ma la sapienza, cioè il gusto delle cose di Dio, la capacità di discernere la sua volontà fra le insidie del mondo. E viene esaudito. Chiedere questo vuol dire credere alla gioia vera che solo in Dio possiamo trovare. L’apostolo Paolo afferma con decisione che per chi crede in Dio tutto diventa occasione di bene. Il piano salvifico di Dio ci mostra il nostro orizzonte, la nostra destinazione: essere salvati nel Figlio suo.

Elide SivieroVia

«BEATI GLI OPERATORI DI PACE»

«BEATI gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio» (Mt 5,9). Gli “operatori di pace” non sono i “pacifici”, che amano vivere tranquillamente, ma sono invece coloro che si adoperano con tutte le loro forze a costruire la pace.
La pace, di cui parla bene il Vangelo, non è la pace del mondo. La pace del mondo coincide con l’amore del quieto vivere, con la impostazione egoistica della vita, per cui si ama «vivere in pace» dimenticandosi degli altri. Gesù, quando dice: «Vi lascio la pace, vi do la mia pace», afferma: «Non come la dà il mondo io la do a voi» (Gv 14,27).
La pace di Cristo mette in questione la nostra vita. Del resto, lui, ha realizzato la pace degli uomini con Dio, a caro prezzo, per mezzo della sua Croce. La pace di Cristo ha come fondamento la giustizia, ma una giustizia animata dall’amore. Essa abbraccia tutte le dimensioni della vita umana: la pace con Dio, con il prossimo, con se stessi. Se non c’è la pace nel cuore, non ci sarà pace con gli altri. Le guerre e le violenze sono la proiezione esterna dei conflitti interiori.
La pace è anzitutto un dono di Dio. Ma nello stesso tempo è un dono impegnativo: trovando in Dio la sorgente, noi dobbiamo essere canali della pace. Dobbiamo, invocarla da Dio e nello stesso tempo costruirla. Anche la preghiera costruisce la pace.

Mons. Giuseppe Greco

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 30 luglio 2017 anche qui.

XVII Domenica del Tempo Ordinario – Anno A

Mt 13, 44-52
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli:
«Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto nel campo; un uomo lo trova e lo nasconde; poi va, pieno di gioia, vende tutti i suoi averi e compra quel campo.
Il regno dei cieli è simile anche a un mercante che va in cerca di perle preziose; trovata una perla di grande valore, va, vende tutti i suoi averi e la compra.
Ancora, il regno dei cieli è simile a una rete gettata nel mare, che raccoglie ogni genere di pesci. Quando è piena, i pescatori la tirano a riva, si mettono a sedere, raccolgono i pesci buoni nei canestri e buttano via i cattivi. Così sarà alla fine del mondo. Verranno gli angeli e separeranno i cattivi dai buoni e li getteranno nella fornace ardente, dove sarà pianto e stridore di denti.
Avete compreso tutte queste cose?». Gli risposero: «Sì». Ed egli disse loro: «Per questo ogni scriba, divenuto discepolo del regno dei cieli, è simile a un padrone di casa che estrae dal suo tesoro cose nuove e cose antiche».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 30 Luglio – 05 Agosto 2017
  • Tempo Ordinario XVII, Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo A | Salterio: sett. 1

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

L’articolo Commento al Vangelo dal foglietto “La Domenica” del 30 luglio 2017 proviene dal sito Cerco il Tuo volto – Audio e Video cattolici italiani.


Fonte: Cerco il Tuo volto

Leggi Anche...

Commento al Vangelo del 26 novembre 2017 – don Fabio Galeazzi

Il commento al Vangelo di domenica 26 novembre 2017 a cura di don Fabio Galeazzi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *