mercoledì 22 novembre 2017
Home » Vangelo della Domenica » Commento al Vangelo del 22 ottobre 2017 – Mons. Antonio Interguglielmi

Commento al Vangelo del 22 ottobre 2017 – Mons. Antonio Interguglielmi

Uno dei segni più chiari per vedere a che punto è la conversione di un uomo è il rapporto che ha con i soldi: per questa ragione i farisei, che non sono degli sprovveduti e, pensando male di Gesù vogliono tendergli un tranello, gli fanno una domanda sulle monete. I soldi, come gli affetti, sono gli aspetti più difficili da dominare. Ma l’uomo che ha incontrato Cristo ha imparato a saper liberarsi da questi legami, a valutarli con sapienza, a dominarli.

Perché il cristiano è un uomo che ha assaggiato la libertà, anche dai soldi: ha scoperto che la vita non gli viene dal possedere, né dall’essere ricercato e ammirato, perché tutto questo è molto temporaneo, passa presto e si rimane profondamente soli: e questo è il frutto di quando mettiamo al centro della nostra vita il denaro, il potere, il successo.

L’uomo solo è l’immagine della morte: così, puoi essere tanto potente, molto ricco, noto e ricercato, ma solo, terribilmente solo. E così l’avarizia, che è l’espressione più compiuta di questo uomo solo, un uomo attaccato ai suoi soldi, incapace anche di godersi la vita, incapace di amare gli altri, perché deve sempre difendere le “sue” ricchezze.

Che il Signore ci aiuti a non cadere in questo tranello, a non ridurre la nostra vita ad “una miseria”: ricchi sì, ma di solitudine.

Quando saremo nella difficoltà, nella prova, di fronte alle domande sul senso della nostra vita, a nulla ci serviranno tutte queste “ricchezze” che oggi difendiamo con tanta passione: le case, gli applausi, quelli che oggi si inchinano davanti a te, i tuoi soldi, saranno come immondizia.

E così, anche nel Giudizio, quando ci troveremo davanti a Cristo, ci difenderanno quel povero che tu oggi avresti potuto aiutare, quella famiglia che tu, nel segreto, stai sostenendo nel momento del bisogno: “Fatevi borse che non invecchiano, un tesoro sicuro nei cieli, dove ladro non arriva e tarlo non consuma” (Luca 12).

Don ANTONIO INTERGUGLIELMI – Cappellano Rai – Saxa Rubra (Roma)

Fonte

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 22 ottobre 2017 anche qui.

XXIX Domenica del Tempo Ordinario – Anno A

Mt 22, 15-21
Dal Vangelo secondo  Matteo

15Allora i farisei se ne andarono e tennero consiglio per vedere come coglierlo in fallo nei suoi discorsi. 16Mandarono dunque da lui i propri discepoli, con gli erodiani, a dirgli: «Maestro, sappiamo che sei veritiero e insegni la via di Dio secondo verità. Tu non hai soggezione di alcuno, perché non guardi in faccia a nessuno. 17Dunque, di’ a noi il tuo parere: è lecito, o no, pagare il tributo a Cesare?». 18Ma Gesù, conoscendo la loro malizia, rispose: «Ipocriti, perché volete mettermi alla prova? 19Mostratemi la moneta del tributo». Ed essi gli presentarono un denaro. 20Egli domandò loro: «Questa immagine e l’iscrizione, di chi sono?». 21Gli risposero: «Di Cesare». Allora disse loro: «Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 22 – 28 Ottobre 2017
  • Tempo Ordinario XXIX
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo A
  • Salterio: sett. 1

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

L’articolo Commento al Vangelo del 22 ottobre 2017 – Mons. Antonio Interguglielmi proviene dal sito Cerco il Tuo volto – Audio e Video cattolici italiani.


Fonte: citv video

Leggi Anche...

Commento al Vangelo del 26 novembre 2017 – don Fabio Galeazzi

Il commento al Vangelo di domenica 26 novembre 2017 a cura di don Fabio Galeazzi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *