sabato 16 dicembre 2017
Home » Vangelo della Domenica » Commento al Vangelo del 24 settembre 2017 – Ileana Mortari (Teologa)

Commento al Vangelo del 24 settembre 2017 – Ileana Mortari (Teologa)

“Tu sei invidioso perché io sono buono?”

La parabola è una forma caratteristica del discorso di Gesù, con tratti originali suoi propri anche rispetto al genere narrativo omonimo, e che costituisce addirittura un “unicum” nella letteratura di tutti i tempi. Essa serve per esprimere, mediante situazioni comuni, contenuti e realtà spirituali e soprannaturali e in genere ha per oggetto il regno di Dio.

Il testo di oggi, che è proprio di Matteo, inizia infatti con le parole “Il regno dei cieli (che nel primo vangelo equivale a il “regno di Dio”) è simile a un padrone di casa che uscì all’alba (cioè alle 6 di mattina)” ………..

Anche l’ambientazione, come sempre nelle parabole, è quanto mai realistica e veritiera: abbiamo la situazione di un proprietario terriero, la presenza di disoccupati, l’ingaggio e il salario a giornata.

Ma nello stesso tempo ci sono delle inverosimiglianze, anch’esse frequenti nelle parabole: le cinque “uscite” del padrone a diverse ore del giorno, soprattutto quella delle cinque del pomeriggio (l’”undicesima ora” delle 12 in cui consisteva la giornata lavorativa), l’ingaggio nel pomeriggio per poche ore di lavoro, il modo quanto meno insolito e decisamente inaspettato di assegnare la paga…. anzi, diciamo pure sconcertante e “ingiusto” dal punto di vista umano!

Infatti il padrone, che ha fatto lavorare gli operai ingaggiati in misura diversa, al termine della giornata ordina al fattore: “Chiama gli operai e dà loro la paga, incominciando dagli ultimi fino ai primi”; agli ultimi viene dato un denaro ciascuno, la stessa cifra che il proprietario aveva pattuito con i primi; questi, vedendo ciò, pensano di ricevere di più, in considerazione del maggior lavoro svolto, ma la paga è la stessa e alle loro mormorazioni il padrone risponde con tre argomentazioni: a) non sottrae loro nulla, perché essi ricevono quanto pattuito; b) è lui il padrone e dunque egli è libero di essere generoso quanto vuole c) “Oppure tu sei invidioso perché io sono buono?”(v.15)

Come si vede, da un lato la parabola facilita la comprensione del regno mediante alcune evidenti analogie (qui il padrone è Dio e la vigna il suo regno), ma dall’altro mette in luce criteri di giudizio e di comportamento assolutamente nuovi e insoliti, qui soprattutto il concetto di “giustizia”, che non coincide affatto con quello umano, anzi lo travalica completamente: il padrone non applica il nostro criterio quantitativo di retribuzione corrispondente all’opera svolta (tanto ho lavorato, tanto ricevo), ma va ben oltre nella sua generosità. Il brano si conclude poi con un “paradosso”, cioè una frase in contrasto con il modo comune di pensare, probabilmente aggiunta dall’evangelista: “così gli ultimi saranno primi, e i primi gli ultimi” (v.16)

Tra l’altro la stessa frase viene pronunciata da Gesù al termine dell’episodio precedente (Mt. 19, 30) e dunque fa “inclusione”, cioè delimita intenzionalmente la parabola, richiamando la nostra attenzione sul significato della frase stessa.

Cerchiamo allora di cogliere il messaggio che emerge dalla “punta” della parabola, cioè da quella parte su cui, come accade per un quadro, è soprattutto attirata l’attenzione dell’ascoltatore: la strana “giustizia” di Dio e soprattutto la terza risposta ai lavoratori.

Le parabole vanno sempre interpretate a tre livelli: il piano storico del tempo di Gesù, nel momento in cui egli ha effettivamente narrato l’episodio fittizio; il livello della Chiesa primitiva, quando spesso il testo viene adattato alla situazione della comunità; la perenne attualizzazione che viene fatta dalla Chiesa in ogni tempo in cui il brano evangelico viene riletto, annunciato e vissuto.

Ora, a al livello storico di Gesù la parabola trascrive sul piano simbolico una situazione conflittuale creatasi tra lui e i farisei, perché Gesù, in tutto il corso della sua missione, ha chiaramente mostrato la sua preferenza per quelli che non contano sul piano religioso – i peccatori, il popolo ignorante, gli “anawim” – suscitando le aspre critiche di coloro che invece si ritengono “eletti”, superiori agli altri, i ”primi”, perché osservano minuziosamente la Legge.

Non dimentichiamo che un denaro, oltre che rappresentare la paga media di un bracciante, era anche la somma minima necessaria per vivere; dunque il padrone della vigna vuole che ciascun lavoratore abbia il necessario per vivere (il pane quotidiano), indipendentemente dai suoi meriti. Cioè: la preoccupazione del viticoltore-Dio non è la giustizia retributiva, ma la misericordia, l’amore, il desiderio di bene per ognuno; anche perché egli non teme alcuna diminuzione delle sue sostanze: la sovrabbondanza della sua ricchezza-amore è infinita ed è destinata a tutti, è universale. Sono i “primi”, i lavoratori della “prima ora”, le 6 del mattino, che non hanno capito la logica del padrone-Dio; restano schiavi della loro meschineria e non sanno vedere la gratuità che raggiunge tutti, pur non facendo torto a nessuno.

Al livello delle prime comunità cristiane, soprattutto nel contesto prevalentemente giudeo-cristiano di Matteo, con “ultimi” si intende chiaramente i pagani, cioè gli ultimi, in ordine di tempo, chiamati al regno di Dio, che a un certo punto prendono il posto del “primo” chiamato, Israele, che non ha compreso il Messia. E “ultimi” sono anche coloro che nella comunità sono considerati i più piccoli tra i fratelli, i semplici, i poveri, gli ignoranti.

Infine, attualizzando il testo per il nostro tempo, possiamo ricordare il ragionamento di tanti: “Ecco, io fin da piccolo sono stato osservante e praticante. Quello lì, che ha fatto i suoi comodi per tutta la vita, si pente all’ultimo momento, viene perdonato ed ha la stessa mia ricompensa: il Paradiso. E’ giusto questo?”. Certo, è giusto nella logica di Dio, diversa dalla nostra, ma uguale a quella di un padre o di una madre, che non aspettano altro che il ritorno del figlio traviato; e quando questi si ravvede, gioiscono infinitamente, facendo gran festa e mettendolo a parte dei loro beni tanto quanto gli altri figli che magari vi hanno contribuito con il loro lavoro.

Non può essere che gretto e meschino il ragionamento di cui sopra, perché c’è comunque una bella differenza tra l’essere in dialogo e comunione con Dio fin dall’inizio della propria vita cosciente ed arrivarci all’ultimo momento: si perde molto purtroppo!, e poi si corre il rischio di essere raggiunti dall’esito fatale prima di fare in tempo a convertirsi. E ancora: siamo sicuri che il gaudente in questione fosse veramente felice e appagato? Che ne sappiamo noi di quello che è passato nel suo animo?

Chi ha conosciuto e goduto dell’amore straordinario e pacificante di Dio per tanto tempo non può che rallegrarsi che un suo fratello vi giunga, pur se in extremis, e partecipi egli pure della gioia ineffabile dell’essere figli immensamente amati da Dio Padre.

Ileana Mortari – Sito Web

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 24 settembre 2017 anche qui.

XXV Domenica del Tempo Ordinario – Anno A

Mt 20, 1-16
Dal Vangelo secondo  Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli questa parabola:
«Il regno dei cieli è simile a un padrone di casa che uscì all’alba per prendere a giornata lavoratori per la sua vigna. Si accordò con loro per un denaro al giorno e li mandò nella sua vigna. Uscito poi verso le nove del mattino, ne vide altri che stavano in piazza, disoccupati, e disse loro: “Andate anche voi nella vigna; quello che è giusto ve lo darò”. Ed essi andarono. Uscì di nuovo verso mezzogiorno e verso le tre, e fece altrettanto. Uscito ancora verso le cinque, ne vide altri che se ne stavano lì e disse loro: “Perché ve ne state qui tutto il giorno senza far niente?”. Gli risposero: “Perché nessuno ci ha presi a giornata”. Ed egli disse loro: “Andate anche voi nella vigna”.
Quando fu sera, il padrone della vigna disse al suo fattore: “Chiama i lavoratori e dai loro la paga, incominciando dagli ultimi fino ai primi”. Venuti quelli delle cinque del pomeriggio, ricevettero ciascuno un denaro. Quando arrivarono i primi, pensarono che avrebbero ricevuto di più. Ma anch’essi ricevettero ciascuno un denaro. Nel ritirarlo, però, mormoravano contro il padrone dicendo: “Questi ultimi hanno lavorato un’ora soltanto e li hai trattati come noi, che abbiamo sopportato il peso della giornata e il caldo”.
Ma il padrone, rispondendo a uno di loro, disse: “Amico, io non ti faccio torto. Non hai forse concordato con me per un denaro? Prendi il tuo e vattene. Ma io voglio dare anche a quest’ultimo quanto a te: non posso fare delle mie cose quello che voglio? Oppure tu sei invidioso perché io sono buono?”. Così gli ultimi saranno primi e i primi, ultimi».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 24 – 30 Settembre 2017
  • Tempo Ordinario XXV
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo A
  • Salterio: sett. 1

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

L’articolo Commento al Vangelo del 24 settembre 2017 – Ileana Mortari (Teologa) proviene dal sito Cerco il Tuo volto – Audio e Video cattolici italiani.


Fonte: Cerco il Tuo volto

Leggi Anche...

Vangelo del giorno – 17 dicembre 2017 – p. Bruno Oliviero (padre Elia)

Commento al Vangelo di domenica 17 dicembre 2017 a cura di don Bruno Oliviero, sacerdote …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *