sabato 16 dicembre 2017
Home » Vangelo della Domenica » Commento al Vangelo del 3 dicembre 2017 – don Angelo Busetto

Commento al Vangelo del 3 dicembre 2017 – don Angelo Busetto

L’attesa e la venuta

L’Avvento è stagione dell’anima. Attendiamo sempre «qualcosa» che manca alla vita. Si tratti di quel disagio indefinito che agita il cuore, o di un bisogno specifico riguardante la salute, i figli, o chissacosa. L’Avvento è una stagione attiva: occorre preparare, predisporre, andare incontro a quanto attendiamo.

La risposta alla nostra attesa accade attraverso una storia nella quale Dio stesso è entrato come protagonista. Non basta la risposta di una storia puramente umana, fatta di rivoluzioni o di poteri che promettono un futuro migliore, che poi si rivela ingannevole e disperso.

L’Avvento apre la storia cristiana con l’attesa dell’antico popolo ebreo. L’Avvento prosegue anche dopo la venuta del Messia: attendiamo oggi Colui che è venuto nel primo Natale del mondo. Il tempo segnato dalla liturgia raccoglie tutta l’attesa umana e la conduce all’incontro con Colui che è venuto e che verrà. L’Avvento è una promessa che rincuora: esiste una risposta all’attesa, viene un Salvatore per la nostra vita e per la vita di tutti.

Fonte: Vatican Insider

L’articolo Commento al Vangelo del 3 dicembre 2017 – don Angelo Busetto proviene dal sito Cerco il Tuo volto – Audio e Video cattolici italiani.


Fonte: citv video

Leggi Anche...

Vangelo del giorno – 17 dicembre 2017 – p. Bruno Oliviero (padre Elia)

Commento al Vangelo di domenica 17 dicembre 2017 a cura di don Bruno Oliviero, sacerdote …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *