sabato 18 novembre 2017
Home » Vangelo della Domenica » Commento al Vangelo di domenica 22 ottobre 2017 – don Marco Pozza

Commento al Vangelo di domenica 22 ottobre 2017 – don Marco Pozza

Ridatemi l’uomo. Il resto datelo pure a chi volete

fotografia di don Marco Pozza
don Marco Pozza

Malfidenti nati. Gente espertissima a fare gli attori: i farisei, tra quelli che si son messi di frammezzo a Cristo, erano gli esperti dei corsi di recitazione. Loro unico scopo – giacché, da subito, Lui mostrò d’essere il rivale più accreditato al loro noioso conversare sulla felicità – era quello di tendere tranelli al Cristo. Più per spirito di gelosia che per capacità di competere sui misteri celati del cuore: fatto sta che, appena ce L’avevano in tiro, giocavano a «come cogliere in fallo Gesù nei suoi discorsi». Lui viveva una vita così semplice che, in quanto a vita, non c’era nulla a cui potessero appigliarsi per smontarlo. Erano le parole di Lui, il suo discorrere, che allarmavano la certezza del loro parlare: «Sono appunto le verità chiare che non sono capite» (P. Mazzolari) Le sue parole erano vita, dolcezza e graffi, bianco e nero. Nero su bianco. Roba da ustionarsi.

Dunque lo accerchiano: vogliono sequestrare Dio, imbavagliare il Cielo. Il loro unico sogno è di farlo passare per brigante di parole, un ciarlatano venuto dal villaggio dopo il loro, uno di quelli “tanto fumo e poco arrosto”. Badate bene, però, che anche Satana ha i suoi cervelli. Mica scimuniti, è tutta che gente che studia giorno e notte per mandare gambe all’aria Cristo, le sue sorprese. Evvai, allora, col denaro: roba sporca, baratti delicati, materia ancor più scabrosa della sessualità con le sue variabili e varianti. Zac: «È lecito, o no, pagare il tributo a Cesare?». Non prima d’aver cercato di catturarsi quella sua recondita bellezza che è il suo segreto. L’allegrezza d’essere le parole che dice: «Sappiamo che sei veritiero e insegni la via di Dio secondo verità. Tu non hai soggezione di alcuno, perché non guardi in faccia a nessuno». Che complimento, signori! Non c’è nulla di più ubriacante per un giocatore del complimento avversario. Fatto è che la sua schiena diritta è così dritta che, solo a volerlo negare, sarebbe come ammettere candidamente mancanza di obiettività. Cristo – che fa finta d’essere l’ultimo, ma è sempre il primo della classe, primo per classe – regge. Affonda la spada «conoscendo la loro malizia».

Quando agisce così, l’adoro da impazzire: il suo x factor è la conoscenza del cuore. Prima di parlare, studia l’avversario: gli scava nell’anima, scende nei sottoscala della sua storia, alza i tappeti di casa. Il suo punto forte è personalizzare la risposta in base ai cuori che si trova innanzi: coi poveracci è maestro di bontà, con i ruffiani è un artigiano di selvatichezza, con gli intelligenti è maestro di smontaggio. Tentare di reggere, anche solo per un istante, la sua anima è roba da uscirne rivoltati. Dannati o santificati. Santi.

Sono a corto di idee i farisei. Capita così anche oggi: «Le coscienze morte hanno una sola reazione nei riguardi della religione, ed è la stessa di Erode: lo scherzo, che consente loro un’apparente superiorità intellettuale» (F. Sheen). Il trucco è smascherato: se dice sì è amico dei romani, se dice no è il leader della rivolta. Lui, a farsi strattonare, non ci sta: «Mostratemi la moneta del tributo». È formidabile, roba da Dio, la sua destrezza d’animo: nessuna risposta. Il più delle volte, Dio non risponde: crea vuoti di ricerca, allarga lo spazio della domanda, si diverte a tendere l’arco di più. Costringe a guardare la realtà, giacché la carne è l’unico dogma che Cristo conosce. Che i poveri conoscono: per quello che loro vanno a nozze quando passa Cristo. «Mostratemi», cioè guardate bene, senza distrazioni, non cercate alibi. La realtà è una, non si deve scappare: qui dentro, non fuori, dovrete cercare d’innalzare il Regno di Dio. D’innalzare l’uomo a Dio, senza scorciatoie. Che nessuno possa dire: “Han fatto così perché non hanno fatto colà”. Tradotto, con evangelica chiarezza: «Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio». Cesare è ricco fondato delle cose, Dio è ricco sfondato dell’uomo: nulla, ai suoi occhi, val più di quella creatura che è tutta ingobbita quaggiù. A Cesare le cose, con gli interessi che procurano. A Dio l’uomo: Gli basta, lo sazia. Nessuno tocchi l’uomo: è pensiero privato di Dio.

don Marco Pozza (Qui tutti i precedenti commenti al Vangelo di don Marco)


jQuery(document).ready(function() {

var CONSTANTS = {
productMinWidth : 185,
productMargin : 20
};

var $adUnits = jQuery(‘.aalb-product-carousel-unit’);
$adUnits.each(function() {
var $adUnit = jQuery(this),
$wrapper = $adUnit.find(‘.aalb-pc-wrapper’),
$productContainer = $adUnit.find(‘.aalb-pc-product-container’),
$btnNext = $adUnit.find(‘.aalb-pc-btn-next’),
$btnPrev = $adUnit.find(‘.aalb-pc-btn-prev’),
$productList = $productContainer.find(‘.aalb-pc-product-list’),
$products = $productList.find(‘.aalb-pc-product’),
productCount = $products.length;

if (!productCount) {
return true;
}

var rows = $adUnit.find(‘input[name=rows]’).length && parseInt($adUnit.find(‘input[name=rows]’).val(), 10);
var columns = $adUnit.find(‘input[name=columns]’).length && parseInt($adUnit.find(‘input[name=columns]’).val(), 10);

if( columns ) {
var productContainerMinWidth = columns * (CONSTANTS.productMinWidth + CONSTANTS.productMargin) + ‘px’;
$adUnit.css( ‘min-width’, productContainerMinWidth );
$productContainer.css( ‘min-width’, productContainerMinWidth );
$products.filter( ‘:nth-child(‘ + columns + ‘n + 1)’ ).css( ‘clear’, ‘both’ );
}

if (rows && columns) {
var cutOffIndex = (rows * columns) – 1;
$products.filter(‘:gt(‘ + cutOffIndex + ‘)’).remove();
}

function updateLayout() {
var wrapperWidth = $wrapper.width();
var possibleColumns = columns || parseInt( wrapperWidth / (CONSTANTS.productMinWidth + CONSTANTS.productMargin), 10 );
var actualColumns = columns || possibleColumns actualColumns ) {
$btnNext.css( ‘visibility’, ‘visible’ ).removeClass( ‘disabled’ ).unbind( ‘click’ );
$btnPrev.css( ‘visibility’, ‘visible’ ).removeClass( ‘disabled’ ).unbind( ‘click’ );
}
$productContainer.jCarouselLite( {
btnNext : ‘#’ + $adUnit.attr( ‘id’ ) + ‘ .aalb-pc-btn-next’,
btnPrev : ‘#’ + $adUnit.attr( ‘id’ ) + ‘ .aalb-pc-btn-prev’,
visible : actualColumns,
circular: false
} );

}

updateLayout();
jQuery(window).resize(updateLayout);
});
});

/*!
* jCarouselLite – v1.1 – 2014-09-28
* http://www.gmarwaha.com/jquery/jcarousellite/
* Copyright (c) 2014 Ganeshji Marwaha
* Licensed MIT (https://github.com/ganeshmax/jcarousellite/blob/master/LICENSE)
*/

!function(a){a.jCarouselLite={version:”1.1″},a.fn.jCarouselLite=function(b){return b=a.extend({},a.fn.jCarouselLite.options,b||{}),this.each(function(){function c(a){return n||(clearTimeout(A),z=a,b.beforeStart&&b.beforeStart.call(this,i()),b.circular?j(a):k(a),m({start:function(){n=!0},done:function(){b.afterEnd&&b.afterEnd.call(this,i()),b.auto&&h(),n=!1}}),b.circular||l()),!1}function d(){if(n=!1,o=b.vertical?”top”:”left”,p=b.vertical?”height”:”width”,q=B.find(“>ul”),r=q.find(“>li”),x=r.size(),w=x0?z-b.scroll:z+b.scroll)}),b.auto&&h()}function h(){A=setTimeout(function(){c(z+b.scroll)},b.auto)}function i(){return s.slice(z).slice(0,w)}function j(a){var c;a=y-w+1&&(c=a-x-b.scroll,q.css(o,-(c*t)+”px”),z=c+b.scroll)}function k(a){0>a?z=0:a>y-w&&(z=y-w)}function l(){a(b.btnPrev+”,”+b.btnNext).removeClass(“disabled”),a(z-b.scrolly-w&&b.btnNext||[]).addClass(“disabled”)}function m(c){n=!0,q.animate(“left”==o?{left:-(z*t)}:{top:-(z*t)},a.extend({duration:b.speed,easing:b.easing},c))}var n,o,p,q,r,s,t,u,v,w,x,y,z,A,B=a(this);d(),e(),f(),g()})},a.fn.jCarouselLite.options={btnPrev:null,btnNext:null,btnGo:null,mouseWheel:!1,auto:null,speed:200,easing:null,vertical:!1,circular:!0,visible:3,start:0,scroll:1,beforeStart:null,afterEnd:null}}(jQuery);

Licenza: Creative Commons

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 22 ottobre 2017 anche qui.

XXIX Domenica del Tempo Ordinario – Anno A

Mt 22, 15-21
Dal Vangelo secondo  Matteo

15Allora i farisei se ne andarono e tennero consiglio per vedere come coglierlo in fallo nei suoi discorsi. 16Mandarono dunque da lui i propri discepoli, con gli erodiani, a dirgli: «Maestro, sappiamo che sei veritiero e insegni la via di Dio secondo verità. Tu non hai soggezione di alcuno, perché non guardi in faccia a nessuno. 17Dunque, di’ a noi il tuo parere: è lecito, o no, pagare il tributo a Cesare?». 18Ma Gesù, conoscendo la loro malizia, rispose: «Ipocriti, perché volete mettermi alla prova? 19Mostratemi la moneta del tributo». Ed essi gli presentarono un denaro. 20Egli domandò loro: «Questa immagine e l’iscrizione, di chi sono?». 21Gli risposero: «Di Cesare». Allora disse loro: «Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 22 – 28 Ottobre 2017
  • Tempo Ordinario XXIX
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo A
  • Salterio: sett. 1

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

L’articolo Commento al Vangelo di domenica 22 ottobre 2017 – don Marco Pozza proviene dal sito Cerco il Tuo volto – Audio e Video cattolici italiani.


Fonte: citv video

Leggi Anche...

Commento al Vangelo del 19 novembre 2017 – Mons. Luigi Mansi

Rubrica a cura di S. Ecc. Mons. Luigi Mansi, Vescovo della Diocesi di Andria. Domenica …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *