sabato 16 dicembre 2017
Home » Vangelo della Domenica » Commento al Vangelo di domenica 3 dicembre 2017 per bambini – Mara Colombo

Commento al Vangelo di domenica 3 dicembre 2017 per bambini – Mara Colombo

SIGNORE FA SPLENDERE IL TUO VOLTO E NOI SAREMO SALVI

Oggi inizia l’Avvento!
Avvento significa ATTESA… Vi piace aspettare?

Immaginiamoci in coda alla cassa del cinema o della giostra… sappiamo che ci aspetta qualcosa di bello… Ma ci piace aspettare? L’attesa è sempre noiosa, lunga, iniziamo a guardarci attorno per ingannare il tempo, sbuffiamo, qualcuno prova a passare davanti a qualcun altro un po’ addormentato; qualcun altro prova a cambiare fila perché le altre sembra sempre che vadano più veloce della nostra; c’è chi si fa sostituire da un amico perché comincia a sentire mal di gambe o chi, addirittura, rinuncia o cambia programma se l’attesa si fa troppo lunga! Non siamo molto allenati all’attesa!

Ecco perché la Chiesa tiene molto all’avvento e lo prepara con amore: aspettiamo il giorno di festa in cui gioire nel ricordare la nascita di Gesù venuto a salvarci e ci alleniamo a fare quello che Gesù ci ha raccomandato cioè vegliare. In coda per il Natale di Gesù però è vietato annoiarsi!

Anzi, non ci basteranno queste quattro settimane… Ecco perché ogni anno l’avvento ritorna! Dobbiamo pregare, cantare, lodare, ringraziare, giocare, cercare di far felici quelli che ci stanno vicino, fare compagnia a chi è solo, parlare con chi è in attesa insieme a noi, non pensare al mal di gambe ma tenere caldi i muscoli per saltare in braccio a Gesù quando sarà il momento; aiutare chi vediamo affaticato; dare una mano a chi non ha ancora capito in che direzione andare per non perdersi la festa; sorridere a chi è triste perché non ha capito perché è in attesa ; ammirare e contemplare la creazione di Dio che è attorno a noi proprio per arricchire la nostra veglia, riempiendola di meraviglia. Ecco cosa fare in questo avvento, ecco come tenere il cuore palpitante d’amore in attesa del giorno più bello che verrà!

Ma, esattamente, cosa dobbiamo aspettare? Gesù è nato più di duemila anni fa e noi lo sappiamo benissimo! Quindi che periodo di attesa inizia per noi oggi? Perché la Chiesa ci chiede di vivere da oggi fino al giorno del Natale di Gesù con il cuore in attesa? Perché ci dice di prepararci?

Il profeta Isaia è vissuto tanto, tanto, tanto tempo prima di Gesù e nella prima lettura chiede a Dio di “ritornare”… Lui, illuminato da Dio già sapeva della venuta di Gesù e quindi poteva ASPETTARE!

Nel Salmo di oggi abbiamo pregato con le parole che ripetevano nel tempio di Gerusalemme al tempo del Re Davide chiedendo al Signore di farsi vedere, di scendere dal cielo per salvarli. Gesù ancora non era venuto nel mondo quindi loro chiedevano a Dio di farsi vivo e di aiutarli ad allontanarsi dal male e a fare il bene. Loro giustamente aspettavano qualcuno!

San Paolo che invece scriveva e predicava dopo la morte di Gesù parla a tutti i cristiani della città di Corinto e dice loro di rimanere fedeli a Dio in attesa del suo arrivo….. ma se Gesù era già morto e risorto che senso aveva dire a queste persone di aspettare ?

A complicare un po’ le cose, Gesù nel Vangelo di oggi dice a quelli che lo interrogavano fuori dal tempio di vegliare, di stare attenti, svegli e pronti per accogliere Dio quando verrà. Ma se Gesù presente nel mondo dice di vegliare, la nostra confusione aumenta…

Prima di tutto dobbiamo chiarire che non è il nostro corpo che deve prepararsi e aspettare. Noi, come i cristiani di Corinto e come i discepoli e le folle che seguivano Gesù, dobbiamo lavorare sul nostro cuore!
Il nostro cuore deve aspettare Gesù ed essere scattante al suo arrivo, riconoscendolo subito! Perché se dovesse venire tra noi e noi non lo riconoscessimo? A che servirebbe l’avvento con tutte le sue iniziative?

Avete mai provato a riconoscere tutti gli ingredienti usati per cucinare un piatto che state mangiando? Alcuni si riconoscono al primo sguardo, altri al primo assaggio, ma ci sono ingredienti importantissimi che non si avvertono tanto facilmente… Ma ci sono esperti di cucina che in una prova di questo tipo non dimenticherebbero neanche un ingrediente!

Pensiamo invece a chi lavora con le pietre preziose… Se gli diamo tra le mani una pietra qualunque che assomiglia ad una vera, l’esperto capirà subito l’inganno!
Se mostriamo un dipinto falso ad un esperto di arte questo saprà capire che non è autentico!

Noi invece che non siamo chef esperti, esperti d’arte o di pietre preziose ci faremmo ingannare…. Quindi per riconoscere Gesù che viene dobbiamo conoscerlo bene! Altrimenti rischiamo di non aprirgli la porta del nostro cuore perché impegnati a pensare a qualche banale giocattolo o cartone animato! Poveri noi se succedesse!
Questo tempo di Avvento è il nostro momento per vegliare, perché Dio con la Grazia dello Spirito Santo è presente nella nostra vita e noi troppo spesso non lo avvertiamo! E poi Dio ritornerà, Gesù ce lo ha detto molte volte e in molti modi! Dio Padre con il Figlio e lo Spirito Santo verranno per portarci in Paradiso! Ma dovranno trovarci con il cuore palpitante di amore che riconosce il suo creatore e non con il cuore addormentato o atrofizzato o occupato a fare altro che non sia amore!

Oggi possiamo quindi far giungere a Dio la nostra preghiera e ripetere insieme:
“SIGNORE, FAI SPLENDERE IL TUO VOLTO, FATTI RICONOSCERE! NOI TI ASPETTIAMO!”

Commento a cura di Mara Colombo per il sito omelie.org

L’articolo Commento al Vangelo di domenica 3 dicembre 2017 per bambini – Mara Colombo proviene dal sito Cerco il Tuo volto – Audio e Video cattolici italiani.


Fonte: citv video

Leggi Anche...

Vangelo del giorno – 17 dicembre 2017 – p. Bruno Oliviero (padre Elia)

Commento al Vangelo di domenica 17 dicembre 2017 a cura di don Bruno Oliviero, sacerdote …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *