sabato 18 novembre 2017
Home » Vangelo della Domenica » Commento alle letture di domenica 29 ottobre 2017 – Missionari della Via

Commento alle letture di domenica 29 ottobre 2017 – Missionari della Via

Il commento alle letture di domenica 29 ottobre 2017 a cura dei Missionari della Via.

Qual è il cuore della legge di Dio? Gesù con la sua divina semplicità ci ricorda che il centro di tutto è l’amore: amare Dio con tutto il cuore e il prossimo come noi stessi: sono 2 facce di un’unica medaglia! Amare non è un optional: è realmente questione di vita o di morte: Quel che occorre per raggiungere la felicità non è una vita comoda, ma un cuore innamorato (San J. Escrivà). Dio è amore, ci dona amore e ci rende capaci di amare: e solo l’amore vince la morte! Siamo dunque chiamati ad amare: anzitutto ad amare Dio con tutto noi stessi, in maniera radicale, senza mezze misure. Dio merita di essere amato perché ci ama infinitamente, gratuitamente, fedelmente e prima di ogni nostra risposta.

Per questo Charles de Foucauld, un giovane deluso da lunghi anni di vita frivola e vuota, pregava all’inizio del 1886 dicendo: Signore, se esistete, fate che io vi conosca! E Dio puntualmente si fece conoscere e la gioia del gio-vane fu tale che esclamò: Appena io ebbi creduto che Dio esiste, capii che non potevo far altro che vivere per Lui solo: la mia vocazione religiosa è nata nello stesso istante della mia fede: Dio è tanto grande! C’è tanta differenza tra Dio e tutto ciò che non è Dio! E com’è vero! Certo, questo amore totale per Dio lo vivremo pienamente il cielo, ma già ora siamo chia-mati a crescere nella perfezione dell’amore verso di Lui, anche donandogli tutta la nostra vita, a Lui che per primo l’ha donata a noi; ma come si realizza questo amore?

Obbedendo alla Parola di Dio, cercando di fare la Sua volontà, di essergli graditi in tutto ciò che facciamo: “Il nostro atteggiamento verso Dio, come quello di Gesù, sarà quello di essere sempre rivolti verso il Padre, in ascolto di Lui, in obbedienza, per compiere la sua opera e non altro. Ci è chiesta, in questo, la più grande radicalità, perché a Dio non si può dare meno di tutto: tutto il cuore, tutta l’anima, tutta la mente. E ciò significa fare bene, per intero, quell’azione che Lui ci chiede… Parlare, telefonare, ascoltare, aiutare, studiare, pregare, mangiare, dormire, vivere la sua volontà senza divagare; fare azioni intere, pulite, perfette, con tutto il cuore, l’anima, la mente; avere come unico movente di ogni nostra azione l’amore, così da poter dire, in ogni momento della giornata: “Sì, mio Dio, in quest’attimo, in quest’azione t’ho amato con tutto il cuore, con tutta me stessa”. Solo così potremo dire che amiamo Dio, che contraccambiamo il suo essere Amore nei nostri confronti” (C. Lubich).

All’autentico amore per Dio consegue quello verso gli altri, verso tutti gli altri! Non solo familiari, conoscenti, amici, persone “del giro”: no, tutti! Stranieri, poveri, emarginati, nemici compresi! Se l’amore è il centro della mia vita, avrò il bisogno, il desiderio di trasmetterlo, di diffonderlo a tutti. Proprio come Gesù, che folle d’amore per noi, ha donato tutto se stesso perché noi avessimo la vita vera. Ecco la vera libertà dell’uomo, ecco la sua felicità sulla terra: pregare e amare! Ma che significa amare? Vuol dire soltanto “sentire qualcosa per l’altro”, che sia passione o simpatia? No, è di più: amare significa donarsi per il bene dell’altro, anche quando costa sacrificio, perché il vero amore fa male, se no non è vero amore. Amare l’altro non significa sentire di fare qualcosa per l’altro, ma farlo. Innestati in Dio che ci dona l’amore, ecco che amare diviene un atto di volontà: decidermi ad uscire da me stesso per il bene dell’altro.

Più amiamo Dio, più amiamo gli altri: se Dio è al suo posto, ogni altro amore è al suo giusto posto! Mettendo l’amore di Dio in mezzo all’amicizia, l’affetto si depura, si ingrandisce, si spiritualizza; perché si bruciano le scorie, i punti di vista egoistici, le considerazioni eccessivamente carnali. Non dimenticarlo: l’amore di Dio mette ordine nei nostri affetti, li rende più puri, senza diminuirli (S. Escrivà). Madre Teresa, che conosceva sia il grande mondo asiatico sia l’Occidente, notava: “La peggiore malattia dell’Occidente oggi non è la tubercolosi o la lebbra, ma il non sentirsi amati e desiderati, il sentirsi abbandonati. La medicina può guarire le malattie del corpo, ma l’unica cura per la solitudine, la disperazione e la mancanza di prospettive è l’amore. Vi sono numerose persone al mondo che muoiono perché non hanno neppure un pezzo di pane, ma un numero ancora maggiore muore per mancanza di amore”. Chiediamo la grazia al Signore che ci cambi davvero il cuore: solo cambiando il nostro cuore potranno cambiare le nostre famiglie, le nostre co-munità, le nostre città e il mondo intero. Solo l’amore cambia il mondo!

Preghiamo la Parola

Signore, fa’ che possiamo amarti con tutto il cuore e il nostro prossimo come noi stessi; qui c’è il centro e il senso di tutta la vita!

fr. Umile mdv

Condividiamo la Parola

VERITA’: Vita interiore e sacramenti

Amiamo Dio? Come viviamo il nostro rapporto con Lui? Come dei mercenari, che pregano solo per avere “grazie” in cambio? Da burocrati, che centellinano i minuti di preghiera che donano al Signore? Da comparse, che usano il nome di Dio e la fede giusto per mettersi in mostra o per sembrare persone rispettabili? O da cristiani autentici, che con tutti i loro limiti, cercano di seguire e amare Gesù, affidandosi a Lui con umile fiducia?

CARITA’: Testimonianza di vita

Per essere felici, abbiamo bisogno di volgerci a Dio con tutto quello che abbiamo e che siamo: cerco di servire il prossimo con apertura e generosità, dimenticandomi di me stesso, non preoccupandomi della comodità, mettendo da parte vanità e orgoglio?

PERLE PER L’ANIMA

Verso il centro (Doroteo di Gaza, Istruzioni VI, 78)

Più si è uniti al prossimo, più si è uniti a Dio. … Voglio ricordare un’immagine significativa che si trova nei padri della chiesa. Supponete un cerchio tracciato per terra. … Immaginate che questo cerchio sia il mondo; il centro, Dio; e i raggi, le diverse vie, i diversi modi di vivere degli uomini. Quando i santi, desiderosi di avvicinarsi a Dio, camminano verso il centro del cerchio, si avvicinano nello stesso tempo gli uni agli altri; e più si avvicinano gli uni agli altri, più si avvicinano a Dio…

Così è la carità

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 29 ottobre 2017 anche qui.

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno A

Mt 22, 34-40
Dal Vangelo secondo  Matteo

34Allora i farisei, avendo udito che egli aveva chiuso la bocca ai sadducei, si riunirono insieme 35e uno di loro, un dottore della Legge, lo interrogò per metterlo alla prova: 36«Maestro, nella Legge, qual è il grande comandamento?». 37Gli rispose: «Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente. 38Questo è il grande e primo comandamento. 39Il secondo poi è simile a quello: Amerai il tuo prossimo come te stesso. 40Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 29 Ottobre – 04 Novembre 2017
  • Tempo Ordinario XXX
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo A
  • Salterio: sett. 2

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

L’articolo Commento alle letture di domenica 29 ottobre 2017 – Missionari della Via proviene dal sito Cerco il Tuo volto – Audio e Video cattolici italiani.


Fonte: Cerco il Tuo volto

Leggi Anche...

Commento alle letture del 19 novembre 2017 – padre Gaetano Piccolo

Commento al Vangelo di domenica 19 novembre 2017, a cura di don Settimio Carone, della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *