sabato 16 dicembre 2017
Home » Vangelo della Domenica » don Gianvito Sanfilippo – Commento al Vangelo del 17 settembre 2017

don Gianvito Sanfilippo – Commento al Vangelo del 17 settembre 2017

Nella 24.ma Domenica del Tempo ordinario la liturgia ci propone il Vangelo (Mt 18, 21-35) in cui Gesù spiega il perdono cristiano:

Pietro interroga il Signore: “Quante volte dovrò perdonare un mio fratello quando pecca contro di me?”. Gesù risponde: ”Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette”, cioè, sempre. Questa risposta perentoria c’imbarazza, forse, oppure c’innervosisce. Il Maestro, infatti, motiva quest’affermazione facendo riflettere l’uditorio sulla sproporzione fra le colpe perdonateci da Dio e quelle che dovremmo perdonare al prossimo.

Ma non tutti condividono quest’analisi, perché capita di sentire dichiarare: “Io quest’errore non l’avrei commesso, non si può cadere così in basso!”. Si tratta di miopia spirituale, di scarsa conoscenza di se stessi. Chiunque in realtà, senza l’aiuto della grazia divina, può diventare preda di tentazioni irrefrenabili, di demoni che inducono a peccati anche molto gravi, pur senza averne l’intenzione. Le cronache di una società dimentica di Dio ce ne danno l’amara conferma ogni giorno.

Lo Spirito Santo c’invita a ricorrere alla Sua protezione onnipotente, abitando in noi con la catechesi, l’ascolto della Parola, i sacramenti, ovvero, la vita nella comunità cristiana. Quando un fratello pecca contro di noi, ricordiamoci della misericordia ricevuta, sapendo che la causa prima del male è, anzitutto, il diavolo; il perdono offerto agli altri sarà rivolto a noi nel Giudizio finale.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 17 settembre 2017 anche qui.

XXIV Domenica del Tempo Ordinario – Anno A

Mt 18, 21-35
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Pietro si avvicinò a Gesù e gli disse: «Signore, se il mio fratello commette colpe contro di me, quante volte dovrò perdonargli? Fino a sette volte?». E Gesù gli rispose: «Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette.
Per questo, il regno dei cieli è simile a un re che volle regolare i conti con i suoi servi. Aveva cominciato a regolare i conti, quando gli fu presentato un tale che gli doveva diecimila talenti. Poiché costui non era in grado di restituire, il padrone ordinò che fosse venduto lui con la moglie, i figli e quanto possedeva, e così saldasse il debito. Allora il servo, prostrato a terra, lo supplicava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituirò ogni cosa”. Il padrone ebbe compassione di quel servo, lo lasciò andare e gli condonò il debito.
Appena uscito, quel servo trovò uno dei suoi compagni, che gli doveva cento denari. Lo prese per il collo e lo soffocava, dicendo: “Restituisci quello che devi!”. Il suo compagno, prostrato a terra, lo pregava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituirò”. Ma egli non volle, andò e lo fece gettare in prigione, fino a che non avesse pagato il debito.
Visto quello che accadeva, i suoi compagni furono molto dispiaciuti e andarono a riferire al loro padrone tutto l’accaduto. Allora il padrone fece chiamare quell’uomo e gli disse: “Servo malvagio, io ti ho condonato tutto quel debito perché tu mi hai pregato. Non dovevi anche tu aver pietà del tuo compagno, così come io ho avuto pietà di te?”. Sdegnato, il padrone lo diede in mano agli aguzzini, finché non avesse restituito tutto il dovuto.
Così anche il Padre mio celeste farà con voi se non perdonerete di cuore, ciascuno al proprio fratello».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 17 – 23 Settembre 2017
  • Tempo Ordinario XXIV
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo A
  • Salterio: sett. 4

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

L’articolo don Gianvito Sanfilippo – Commento al Vangelo del 17 settembre 2017 proviene dal sito Cerco il Tuo volto – Audio e Video cattolici italiani.


Fonte: citv video

Leggi Anche...

Vangelo del giorno – 17 dicembre 2017 – p. Bruno Oliviero (padre Elia)

Commento al Vangelo di domenica 17 dicembre 2017 a cura di don Bruno Oliviero, sacerdote …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *