Avvento – Paolo Curtaz commenta il Vangelo di venerdì 4 Dicembre 2020

A

Seguiamo il Signore anche se siamo ciechi. Non vediamo, non capiamo, non abbiamo in noi tutte le risposte, non conosciamo il nostro futuro né sappiamo se le nostre scelte ci portano alla felicità.

Siamo mendicanti, e la fede scaturisce dalla consapevolezza che non sappiamo bene come si faccia a vivere.

Abbiamo sentito parlare del Signore, altri ce ne hanno parlato e, con curiosità e timore, con gioia e perplessità, lo abbiamo seguito, ascoltato, amato. siamo ancora ciechi ma sappiamo chi seguire e la nostra cecità arretra in proporzione alla nostra fede, a quanto ci fidiamo di Lui, delle sue parole, del suo annuncio.

Questo avvento ci permette ancora una volta di guardare al cammino percorso, a vedere quante cose ora vediamo e quante ancora potremmo vedere.

Beati noi che vediamo, beati noi che ci fidiamo e ci sentiamo amati, diventando capaci di amare.

L'autore

Paolo Curtaz
Paolo Curtaz

Sono valdostano e vivo principalmente in Valle d’Aosta.

Mi sono formato, dopo il diploma di scuole superiori, presso il seminario di Aosta, ho conseguito il Baccellierato in Teologia presso la Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale, sezione di Torino, nel 2008 (“La figura del sacerdote nell’epistolario di don Lorenzo Milani”), ho conseguito la Licenza di Teologia Pastorale presso l’Università Pontificia Salesiano nel 2010 (“Internet e il servizio della Parola di Dio”) e il Dottorato in Teologia Pratica presso la Facoltà Teologica di Lugano nel 2018 (“L’interpretazione delle Scritture: analisi di alcune omelie on-line” edito dalla San Paolo).
Continua a leggere su www.passaparola.org

Top