Commento al Vangelo di oggi, 15 Luglio 2019 – Mt 10, 34-11.1 

C

Il commento al Vangelo di oggi è a cura dei padri Dehoniani.

S. Bonaventura, vescovo e dottore della Chiesa (memoria)
XV settimana del tempo ordinario
III Settimana del Salterio

Un prezzo da pagare

Probabilmente  ci  sorprende  non  poco,  o  addirittura  ci  scandalizza, la parola di Gesù che oggi Matteo ci consegna: «Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra; sono venuto a portare non pace, ma spada» (Mt 10,34). Noi desideriamo la pace, ma spesso  la  cerchiamo  in  modo  sbagliato,  oppure  invochiamo  una pace  falsa,  che  non  ci  chiede  alcun  prezzo  da  pagare,  non  esige da  noi  scelte  chiare,  senza  compromessi.  Una  pace  che  si  lascia confondere  con  un  facile  quietismo,  con  una  difesa  interessata di  ciò  che  siamo  o  di  ciò  che  possediamo.  Una  pace  che  non  ci spoglia, non ci converte, non ci trasforma. Al contrario, per attuare la vera pace occorre essere disposti a perdere la propria pace, intesa come interessata tutela del proprio benessere. Allo stesso modo nel quale, afferma Gesù, per trovare davvero la vita occorre essere disposti a perderla (cf. 10,39).

In una celebre omelia del 29 gennaio del 1991, durante una veglia di  preghiera  per  la  pace  in  occasione  dello  scoppio  della  prima guerra del Golfo, il cardinale Martini si domandava come mai Dio sembra  non  ascoltare  la  nostra  supplica  per  la  pace,  che  così spesso  gli  rivolgiamo.  Tra  le  varie  risposte  c’era  anche  questa consapevolezza:  «È  esigente  essere  operatori  di  pace  secondo il  vangelo;  è  un  dono  che  non  si  compra  a  poco  prezzo,  perché viene  dallo  Spirito  e  occorre  accettare  di  pagarlo  a  caro  prezzo». Il costo che Gesù ricorda nell’odierna pagina di Matteo è davvero alto, se giunge persino a contemplare la separazione tra padre e figlio, tra figlia e madre, tra nuora e suocera. È evidente, non dobbiamo  desiderare  tali  divisioni,  al  contrario  dobbiamo  fare  ogni sforzo per evitarle, oppure per riconciliare rapporti là dove si sono lacerati, per rivitalizzarli là dove appaiono logorati.

Tutto questo, tuttavia,  può  essere  fatto  soltanto  nella  consapevolezza  che  c’è un bene più grande, qualcosa che viene prima e che poi dà anche forma, contenuto, senso a tutte le nostre relazioni. Ciò che viene prima  è  l’amore:  l’amore  di  Dio  per  noi,  la  risposta  del  nostro amore per lui. In esso trovano fondamento e significato, possibilità e valore anche le altre relazioni di cui si intesse la nostra vita, gli altri legami che dicono la verità dei nostri affetti. Gesù ricorre qui al linguaggio del di più e del di meno. Lo fa non per stabilire graduatorie o istituire gerarchie. Non si tratta di questo. Piuttosto, ci chiede di vivere nella logica di un’accoglienza. Nelle nostre relazioni dobbiamo accogliere il dono del suo amore; reciprocamente, il suo amore deve accogliere, perfezionare, condurre a compimento le nostre relazioni. L’uno vive nelle altre. Un discepolo di Gesù ha questa consapevolezza: non ci sono relazioni vere che non siano vissute nell’amore di Cristo, come pure l’amore di Cristo,  per essere reale e non astratto, deve maturare dentro relazioni autentiche.

C’è una ricompensa che viene promessa tanto a chi accoglie Gesù e in lui accoglie il Padre, quanto a chi offre un bicchiere d’acqua fresca a un piccolo nel bisogno. C’è la stessa ricompensa: vivere nell’amore, ricevere la vita, giungere alla vera pace. Rimanere nel primato dell’amore, trovare la vita perdendola significa anche questo: accogliere Gesù accogliendo il bisogno  del fratello. Qui c’è un prezzo da pagare: accogliere significa diminuire per fare spazio all’altro; offrire un bicchiere d’acqua esige di uscire da sé per andare incontro all’altro e al suo bisogno. Si perde qualcosa di sé, ma si guadagna davvero la vita. E si impara ad amare cercando pace vera e non falsa.

In  fondo,  occorre  vincere  la  logica  del  faraone,  che  non abita soltanto nel sovrano dell’Egitto di allora o nei potenti della terra di oggi; abita in ciascuno di noi, e deve essere affrontata e sconfitta nel cuore di ognuno. La logica, intendo, che impone agli altri il prezzo da pagare per salvaguardare se stessi e il proprio interesse o benessere. Il faraone impone la schiavitù agli ebrei per difendere il proprio potere, più che il benessere o la pace del suo popolo. Invece la vera pace, come la vera vita, ci chiede un prezzo da pagare personalmente.

Padre, donaci discernimento, perché possiamo riconoscere quei passi di conversione che ciascuno di noi deve intraprendere per giungere alla vera pace del cuore, dal quale può nascere poi  una parola di pace, che sappia riconciliare i conflitti, ritessere    i rapporti lacerati. Insegnaci a comprendere che cosa di noi dobbiamo spendere o perdere per guadagnare un bene comune, condiviso tra tanti.

Leggi il Vangelo di oggi

Sono venuto a portare non pace, ma spada.

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 10,34-11.1 

In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli:
«Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra; sono venuto a portare non pace, ma spada. Sono infatti venuto a separare l’uomo da suo padre e la figlia da sua madre e la nuora da sua suocera; e nemici dell’uomo saranno quelli della sua casa.
Chi ama padre o madre più di me, non è degno di me; chi ama figlio o figlia più di me, non è degno di me; chi non prende la propria croce e non mi segue, non è degno di me.
Chi avrà tenuto per sé la propria vita, la perderà, e chi avrà perduto la propria vita per causa mia, la troverà.
Chi accoglie voi accoglie me, e chi accoglie me accoglie colui che mi ha mandato.
Chi accoglie un profeta perché è un profeta, avrà la ricompensa del profeta, e chi accoglie un giusto perché è un giusto, avrà la ricompensa del giusto.
Chi avrà dato da bere anche un solo bicchiere d’acqua fresca a uno di questi piccoli perché è un discepolo, in verità io vi dico: non perderà la sua ricompensa».
Quando Gesù ebbe terminato di dare queste istruzioni ai suoi dodici discepoli, partì di là per insegnare e predicare nelle loro città.

Parola del Signore

L'autore

Padri Dehoniani
Padri Dehoniani

Le riflessioni sulle letture vengono proposte da fr. Adalberto Piovano, monaco benedettino della Comunità Ss. Trinità di Dumenza; fr. Luca Fallica, anch'egli monaco nella medesima comunità; fr. Roberto Pasolini, frate minore cappuccino della Provincia S. Carlo in Lombardia.

Il Centro editoriale dehoniano − della Congregazione dei sacerdoti del Sacro Cuore, noti come dehoniani dal nome del fondatore, p. Leone Dehon − nasce nell'ottobre 1960, e di lì a poco dà vita alle Edizioni Dehoniane Bologna - EDB, che ne costituiscono l'espressione più visibile.
Per contatti: info@commentoalvangelo.it

Commenti

venti + 18 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience.