Commento al Vangelo di oggi, 5 Gennaio 2020

C

Il commento al Vangelo di oggi è a cura dei padri Dehoniani.

Riconoscere

Con estrema sapienza, in questa domenica la liturgia ci fa indugiare ancora sul solenne prologo di Giovanni, già accolto come vangelo nel giorno di Natale. Questo inno teologico è tutto dominato dalla metafora della «luce», presentata come forza creatrice che dona «vita» (Gv 1,4) a tutto «ciò che esiste» (1,3) e che si rivela invincibile persino nella regione dell’oscurità: «La luce splende nelle tenebre e le tenebre non l’hanno vinta» (1,5). Giovanni tesse la trama di questa composizione letteraria facendo un esplicito riferimento alla Genesi, mediante lo stesso incipit letterario: «In principio» (1,1; cf. Gen 1,1). L’intento comunicativo sembra piuttosto evidente: la venuta nella carne umana del Logos eterno di Dio è paragonabile a una vera e propria ricreazione del mondo nella pienezza dei tempi. Eppure, proprio il confronto con il racconto della Genesi mette subito in guardia dal rischio di rimanere confinati in un semplice stupore estetico. Svelando il mistero della creazione, l’autore sacro fa riferimento a una prima «luce» – che risponde al perentorio comando di Dio: «Sia la luce!» (Gen 1,3) – e, successivamente, ad altre «luci» che assolvono il compito di distinguere e regolare il giorno e la notte (cf. 1,14-16).

C’è dunque diversità di luci all’interno della realtà; non tutte sono uguali e preposte al medesimo scopo. Ciò corrisponde a quanto Giovanni si preoccupa di precisare nello sviluppo drammatico del prologo: «Veniva nel mondo la luce vera, quella che illumina ogni uomo» (Gv 1,9). La festa della luce – il Natale del Signore Gesù – vuole sempre e anzitutto farci recuperare la necessaria distinzione tra le molteplici luci presenti nel mondo e la luce vera del mondo, il «Figlio amato» (Ef 1,6) nel quale per ogni uomo e ogni donna si  apre la possibilità di diventare «figli adottivi» (1,5) dell’eterno Padre. Fuori metafora, ciò significa che, sebbene molte «illuminazioni» sappiano accendere e orientare i nostri passi, c’è una sola benedizione ad attenderci al termine del nostro pellegrinaggio in questo mondo: «Benedetto Dio, Padre del Signore nostro Gesù Cristo, che ci ha benedetti con ogni benedizione spirituale nei cieli in Cristo. In lui ci ha scelti prima della creazione del mondo per essere santi e immacolati di fronte a lui nella carità» (1,34).

La luce vera di cui parla l’evangelista Giovanni è il senso profondo della realtà, la manifestazione di un mistero di amore grandissimo e inarrestabile che corrisponde al volto di Dio e alla rivelazione della sua possibile paternità nei nostri confronti. Questa luce autentica non può che affrontare l’incontro – mai scontato – con il mistero di un’altra libertà, la nostra: «Era nel mondo e il mondo è stato fatto per mezzo di lui; eppure il mondo non lo ha riconosciuto. Venne fra i suoi, e i suoi non lo hanno accolto» (Gv 1,1011). Se vogliamo riconoscere – cioè approfondire – il dono di questa luce, che ci ha rivelato «il potere» (1,12) di essere riconosciuti anche noi figli «nel Figlio amato» (Ef 1,6), dobbiamo avere il coraggio di saper rinnegare ogni altra forma di «illuminazione» facile e immediata, con cui spesso siamo tentati di rischiarare l’oscurità dei nostri giorni. Le tenebre che ostacolano l’insorgere della luce vera non sono solo quelle del fallimento morale, ma anche quelle della scorciatoia religiosa con cui proviamo a simulare una fiducia in Dio, negli altri e nella realtà, non ancora maturata in noi.

Non basta sapere che siamo figli amati, ma occorre assimilare la sapienza del vangelo fino a farla diventare quasi un «vanto», da esibire nel cuore dei nostri punti di maggior debolezza e dentro i nostri più estenuanti combattimenti interiori: «La sapienza fa il proprio elogio […], in mezzo al suo popolo proclama la sua gloria. Nell’assemblea dell’Altissimo apre la bocca, dinanzi alle sue schiere proclama la sua gloria» (Sir 24,12). Per onorare il Natale non ci resta che acconsentire all’ostinato desiderio di Dio di radicarsi in noi, fino al punto da rendere il dono della nostra figliolanza ugualmente invincibile e imperturbabile: «Ho posto le radici in mezzo a un popolo glorioso, nella porzione del Signore è la mia eredità» (24,16).

Signore Gesù, noi siamo stati riconosciuti dal Padre come figli amati prima ancora di essere creati e di poter vedere, nella tua luce e con la tua sapienza, tutta la nostra sofferta verità. Concedici di cercare in ogni cosa la luce vera, per riconoscere che siamo ancora in cammino verso una piena fiducia in te, che impari a maturare nella nostra povertà.

Leggi il Vangelo di oggi

Il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi.

Dal vangelo secondo Giovanni
Gv 1,1-18

[In principio era il Verbo,
e il Verbo era presso Dio
e il Verbo era Dio.
Egli era in principio presso Dio: tutto è stato fatto per mezzo di lui, e senza di lui niente è stato fatto di tutto ciò che esiste.
In lui era la vita e la vita era la luce degli uomini;
la luce splende nelle tenebre, ma le tenebre non l’hanno accolta.]
Venne un uomo mandato da Dio e il suo nome era Giovanni.
Egli venne come testimone per rendere testimonianza alla luce, perché tutti credessero per mezzo di lui.
Egli non era la luce, ma doveva render testimonianza alla luce.
[Veniva nel mondo la luce vera, quella che illumina ogni uomo. Egli era nel mondo, e il mondo fu fatto per mezzo di lui, eppure il mondo non lo riconobbe.
Venne fra la sua gente, ma i suoi non l’hanno accolto.
A quanti però l’hanno accolto, ha dato potere di diventare figli di Dio: a quelli che credono nel suo nome, i quali non da sangue, né da volere di carne, né da volere di uomo,
ma da Dio sono stati generati.
E il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi;
e noi vedemmo la sua gloria, gloria come di unigenito dal Padre, pieno di grazia e di verità.]
Giovanni gli rende testimonianza e grida: “Ecco l’uomo di cui io dissi: Colui che viene dopo di me mi è passato avanti, perché era prima di me”.
Dalla sua pienezza noi tutti abbiamo ricevuto e grazia su grazia.
Perché la legge fu data per mezzo di Mosè, la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo.
Dio nessuno l’ha mai visto: proprio il Figlio unigenito,
che è nel seno del Padre, lui lo ha rivelato.

Parola del Signore

L'autore

Padri Dehoniani
Padri Dehoniani

Le riflessioni sulle letture vengono proposte da fr. Adalberto Piovano, monaco benedettino della Comunità Ss. Trinità di Dumenza; fr. Luca Fallica, anch'egli monaco nella medesima comunità; fr. Roberto Pasolini, frate minore cappuccino della Provincia S. Carlo in Lombardia.

Il Centro editoriale dehoniano − della Congregazione dei sacerdoti del Sacro Cuore, noti come dehoniani dal nome del fondatore, p. Leone Dehon − nasce nell'ottobre 1960, e di lì a poco dà vita alle Edizioni Dehoniane Bologna - EDB, che ne costituiscono l'espressione più visibile.
Per contatti: info@commentoalvangelo.it

Commenti

5 + 13 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience.