F. Morello – Commento al Vangelo del 3 Ottobre 2022

F

“ Vide e passo’ oltre “.

“ Vide e passo’ oltre “.

“ Vide e ne ebbe compassione “.

Ecco la “ formuletta “ che Gesu’ ci dona per farci comprendere se “ amiamo il prossimo “ e, quindi, Cristo che è nel nostro prossimo, “ con tutto il cuore, tutta l’anima, tutta la forza e tutta la mente “.

Tutti VEDIAMO le cose che succedono intorno a noi, le situazioni di difficoltà che ci circondano.

Dinanzi a questo dato oggettivo ci sono due strade: “ passare oltre “ o “ avere compassione “.

PASSARE OLTRE

E’ l’atteggiamento classico del mondo di oggi: l’indifferenza verso l’altro e il pensiero centrato solo su sè stessi.

Le guerre? Non ci interessano, si fanno in altri paesi.

La povertà? Non ci interessa, non siamo noi i poveri.

E ancora, per occuparci di cose piu’ “ prossime “: il nostro vicino di casa è solo ed anziano? Non ci interessa, abbiamo le nostre incombenze; mio padre anziano ha bisogno di cure, e prima ancora, di un po’ di compagnia? Non mi interessa, è già troppo che ho dato una quota per pagare la badante; mio figlio mi chiede di dedicargli un po’ piu’ di tempo? Non mi interessa…devo lavorare per guadagnare di piu’ o, nel poco tempo libero, mi devo rilassare.

Questo è “ passare oltre “, è considerare invisibili tutti coloro i quali ci circondano.

Sembra una mossa vincente, intelligente, per concentrarsi solo su sé stessi.

Sapete qual è il suo risultato?

Il restare SOLI COME UN CANE e diventare, in futuro, quei vicini di casa o quei genitori anziani di cui nessuno vuole occuparsi.

AVERE COMPASSIONE

E’ il sentimento più bello che si possa provare.

Compassione viene da “cum-patere“, soffrire con.

E’ compassionevole chi si accorge del dolore dell’altro e lo sente come proprio.

Percepisce che nel sofferente c’è un fratello, c’è carne della sua carne e cerca di aiutarlo.

Come?

“ Facendoglisi vicino, fasciandogli le ferite e… prendendosi cura di lui “.

L’ “ avere cura “ è del compassionevole, non dell’indifferente.

La differenza tra “ passare oltre “ e “ avere compassione “ è stata evidenziata.

Se la ho compresa e’ valido anche per me l’invito che Ges fa al dottore della legge: “ Và e anche tu fà cosi’ “.

Buona giornata e buona riflessione a tutti.

Fonte: Fabrizio Morello – Vangelo secondo Luca 10, 25-37

Top